Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

I programmi televisivi di ieri e di oggi
Un tempo in TV si trasmetteva la realtà. Oggi in TV si trasmette...la realtà. La Televisione va di pari passo con gli avvenimenti quotidiani. La differenza sta nel fatto che, in passato, c'era…

Quit Festival #01 PDF Stampa E-mail
Moda e tendenze - Moda e tendenze
Scritto da Marco Mura   
Giovedì 03 Marzo 2011 22:33

Presentata questa mattina al T Hotel, la prima edizione del Quit Festival. Il progetto, di ampio respiro, è stato illustrato da Marcello Cualbu e da Michele Casanova, due degli organizzatori. Realizzato con finanziamenti dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Cagliari e col contributo di I.S.O.L.A. (Istituto Sardo Organizzazione Lavoro Artigiano), del T Hotel e di “On Two Sides” il festival si prefigge lo scopo di proporre alla più ampia fruizione possibile le nuove tecnologie che generano nuove arti digitali. Lo scopo è quello di “aprire finestre su scenari culturali avanzati e di aumentare la visibilità e la condivisione di pratiche sempre più diffuse. Non solo in ambito artistico ma anche in quello del design e della comunicazione”.Da giovedì 10 a sabato 12 marzo il programma, piuttosto articolato, prevede la partecipazione di numerosi ospiti locali e nazionali. Differenti per le loro scelte artistiche, tutti accomunati dall’uso massivo dell’elettronica e delle nuove tecnologie nelle loro produzioni. L’evento vedrà la proposta al pubblico dei più svariati generi e stili della musica elettronica: electro, trobbing, ambient, digital-noise, techno, solo per citarne alcuni, con contaminazioni, ibridazioni ed elaborazioni tutti rigorosamente in real time. La ricerca di sonorità sperimentali e la ricerca hardwaristica sono un’altra delle peculiarità della manifestazione.

Giovedì 10 marzo a partire dalle ore 21 si esibiranno al Centro Culturale “Il Ghetto”, in via Santa Croce 18 a Cagliari, Exagonal (Nicola Locci), Ipologica (Fabio Sestili e Giulio Maresca), Guido Smider, e per chiudere Mime (Arrogalla insieme a Menion).

Venerdì 11, sempre a partire dalle ore 21 e presso la stessa sede, sarà la volta delle performaces di Maresca e PRC, Monosonik (Corrado Altieri, Giorgio Ricci e Alessandro Cemolin).

Sabato 12, ultima giornata, cambio di sede: tutti al Kubrick Club per le esibizioni di Ramide e Okapi, per una serata improntata alla dance e l’elettronica più spinta.

La manifestazione sarà preceduta da un calendario di workshop che prevede tre elementi di sicuro interesse: 4,5 e 6 marzo “utilizzo di Quartz Composer” (solo per utenti Mac) e “fondamenti di Arduino” (piattaforma hardware per il physical computing opensource); il 7,8, e 9 l’argomento verterà sulla “Finalizzazione e il Mastering con Ableton Live”. Tutti i laboratori avranno una durata di nove ore suddivise nei tre giorni di svolgimento.

Durante la presentazione abbiamo chiesto a Cualbu e Casanova quali motivazioni hanno portato alla nascita del Quit Festival #01: «Siamo un’associazione culturale - ha risposto Michele Casanova - con base a Cagliari che orbita intorno alla contemporaneità nelle sue varie forme. Nasciamo nel 2008 da un gruppo di musicisti, videoartisti, web designer, grafici e architetti uniti nella ricerca di nuove forme di espressione e interazione nell’ambito delle nuove tecnologie. I progetti vengono sviluppati attraverso il lavoro di studio, ricerca, seminari e live performance. La produzione si compone di progetti collettivi e individuali per i quali vengono utilizzati linguaggi che vanno dalle sonorizzazioni, all’allestimento e mappaggio degli spazi, alla produzione di installazioni interattive e alla direzione di prodotti destinati alla comunicazione e all’art direction di eventi, live media, seminari e workshop. Negli ultimi anni, i componenti della nostra associazione sono stati ospitati in festival, manifestazioni culturali, musei e gallerie nazionali e internazionali, hanno collaborato alla realizzazione di iniziative culturali e campagne promozionali. Ci siamo specializzati in audio Visual concerts, vj performances, interactive installations, light Installations, video productions. Sviluppiamo workshop sui nuovi sistemi di interazione audiovisivo, interaction design e physical computing. Per questo motivo, dopo aver collaborato, per anni, con altre associazioni alla realizzazione delle loro iniziative, abbiamo sentito l’esigenza, come Associazione Quit, di mettere a frutto le nostre esperienze, maturate in questi ambiti. Ci sembrava naturale sfociare poi nella realizzazione di un festival che fosse maggiormente rappresentativo di noi e delle nostre attività. Dopo aver avuto accesso a dei finanziamenti della provincia di Cagliari, che in ogni caso non coprono che una piccola parte dei costi, ci siamo sentiti, pertanto, quasi in dovere di realizzare questa prima edizione del Quit Festival».

 

Marco Mura

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Marzo 2011 19:20
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner