Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

S'accabadora
In un passato non molto lontano, ancora vivo nella memoria dei nostri nonni, agiva in Sardegna una delle più inquietanti e misteriose figure della tradizione popolare, la cui esistenza è rimas…

Istat: nel 2009 redditi famiglie in calo del 2,8 % PDF Stampa E-mail
Economia - Economia
Scritto da maria lucia meloni   
Venerdì 09 Aprile 2010 01:00

L’economia italiana analizzata dall’Istat. Il dato più allarmante è questo: nel 2009 il reddito disponibile delle famiglie è diminuito del 2,8 % rispetto al 2008. Secondo il rapporto integrale Istat (Istituto nazionale di statistica), reso noto l’8 aprile 2010, sono crollati i redditi, il potere di acquisto e di risparmio. Si tratta della riduzione più significativa a partire dagli anni ’90. Gli indicatori presi in esame consentono un’analisi tempestiva dei comportamenti legati all’economia e il rapporto integrale si basa sul reddito e il risparmio delle famiglie e sui profitti delle società che non operano nel campo finanziario. Viene considerato un periodo di tempo corrispondente all’anno 2009. Le variazioni tendenziali sono calcolate rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente (ossia tutto il 2008), mentre quelle congiunturali rispetto al periodo che va da ottobre 2008 a settembre 2009.

Nel quarto trimestre del 2009 la propensione al risparmio delle famiglie è stata pari al 14,0 % come nel trimestre precedente. La riduzione rispetto al corrispondente periodo del 2008 è stata pari a 0,7 punti percentuali.

Nel quarto trimestre 2009 il reddito disponibile delle famiglie è diminuito dello 0,2 % rispetto al trimestre precedente, mentre la spesa delle famiglie per consumi finali si è ridotta dello 0,1 %. Nell’ultimo trimestre del 2009 lo stesso reddito disponibile delle famiglie è diminuito del 2,8 in percentuale  rispetto allo stesso periodo del 2008, mentre la spesa delle famiglie si è ridotta dell’1,9 %.

Il potere di acquisto delle famiglie è diminuito dello 0,2 % rispetto al trimestre precedente e del 2,6 % rispetto a quello corrispondente dell’anno 2008.

E’ proseguita poi la flessione del tasso di investimento delle famiglie,  della quota di profitto e del tasso di investimento delle società non finanziarie. Questi ultimi tre parametri, molto tecnici, riguardano in pratica acquisti ed investimenti in abitazioni (in caso di famiglie) o in apparati strumentali (in caso di imprese), ma anche quello che si potrebbe definire l’andamento generale e i profitti di una società.

Maria Lucia Meloni

Ultimo aggiornamento Venerdì 09 Aprile 2010 13:10
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner