Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Facile sentirsi a casa in Marocco
A Marrakech il clima a giugno può essere più o meno come quello di Cagliari: la temperatura sale, senza le impennate tipiche di luglio e agosto, e la sera a volte è il caso di coprirsi un min…

La Sardegna e la piaga degli incendi PDF Stampa E-mail
Sardegna - Sardegna
Scritto da Grazia Solinas   
Martedì 13 Agosto 2013 12:59

Dopo un lungo inverno in cui non si sente che parlare di crisi la nostra Isola si veste di verde, il sole si riscalda e arriva la bella stagione. La stagione del mare e delle passeggiate sul bagnasciuga, la stagione delle speranze, delle aspettative e delle avventure, la stagione dei turisti, delle vacanze, la stagione dei tavolini all’aperto, delle cene in compagnia e delle interminbili chiaccherate. Ma, purtroppo, anche la stagione degli incendi per la nostra amata Sardegna.

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 21 Marzo “Giornata internazionale delle foreste”: a partire dal 2013 questa giornata sará osservata ogni anno per accrescere la consapevolezza dell’importanza che le foreste e gli alberi hanno per la vita sulla Terra.
L’ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, in occasione di questo appuntamento ha pubblicato alcuni importanti dati relativi agli incendi che ogni anno si propagano nel nostro Paese. Secondo le ricerche dell’Ente, nell’ultimo decennio, gli incendi hanno distrutto in media 40mila ettari di foreste all’anno, causando, tra l’altro, l’accumulo nell’altmosfera di circa 2 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, un ammontare  pari allo 0,4% delle emissioni totali nazionali di gas-serra.
Secondo alcuni documenti pubblicati dalla Regione Sardegna, durante il 2012 gli incendi che hanno superato i 500 ettari di superficie percorsa dal fuoco sono stati quelli che hanno colpito Bolotana e Olzai (NU), Pozzomaggiore (SS), San Teodoro (OT) e Bosa (OR) colpita per ben due volte.
Una tabella, pubblicata nello stesso documento il 23 ottobre dello scorso anno, aiuta ad avere piú chiara la situazione sarda dell’ultimo decennio.


Anno    GrandiIncendi    BoscoPercorso    TotalePercorso    Giornate
2000                4                     1027                  3388                 3
2001                4                     1023                  2239                 4
2002                4                    1828                   3595                 4
2003               12                    3440                   6337                9
2004                9                    2049                   5528                 5
2005                5                    1115                    2251                 5
2006                2                    628                     1145                  2
2007              10                    8682                   14461                6
2008               
2009              13                    8244                  16053                 3
2010               2                      780                      1008                2
2011               5                     1436                    1895                 5
2012               6                     1592                    4590                 5

In questa estate di fuoco sono oltre 8.000 gli ettari di macchia mediterranea e boschi distrutti dal fuoco; il record va all’Oristanese con oltre 3.500 ettari andati in fumo.

I dati raccolti dall’ISPRA sostengono che la situazione é destinata a peggiorare a causa dei cambiamenti climatici a cui é sottoposto il nostro pianeta: con l’aumento medio delle temperature e la riduzione delle precipitazioni in periodi estivi i processi fisiologici, la fotosintesi, la crescita delle piante e la biodiversita’ forestale non fanno altro che registrare un notevole cambiamento.
Un allarme a cui non bisogna rimanere sordi: una maggiore collaborazione non solo da parte del governo regionale e nazionale, soprattutto una maggiore sensibilizzazione. Gran parte degli incendi sono di natura dolosa, siamo noi stessi a mandare in fiamma la nostra terra, le nostre piante, i nostri allevamenti, le nostre aziende, il nostro lavoro. Stiamo, letteralmente, riducendo in fumo il nostro futuro.

 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner