Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Lazio-Inter 0-2, cronaca di una vittoria annunciata
Non ci credeva nessuno, e infatti non è successo: la Lazio non poteva realisticamente difendere i sogni scudetto della Roma. L’Inter ieri sera ha così portato a casa un successo facile facil…

Corano e profezie apocalittiche PDF Stampa E-mail
Mistero - Mistero
Scritto da Andrea Governi   
Venerdì 26 Settembre 2014 00:00

Quando si parla di profezie apocalittiche sono in molti a storcere il naso. L’uomo è nato per la vita, quindi è normale se, davanti a previsioni nefaste che possano minare il suo innato istinto di sopravvivenza, si ritragga dentro il guscio.
Tuttavia è doveroso interrogarci sul perché i testi sacri, scritti in un periodo storico che non fu l’alba dei tempi ma che come tale è ritenuto, contengano previsioni chiare, concordanti e precise su quella che sarà la fine dei tempi. Forse gli uomini dell’antichità non avevano altro da fare che contemplare il cielo ed immaginarsi fantasie che potessero giustificare domande ontologiche ed escatologiche?

Come è possibile che, eccezion fatta per le religioni ebraico cristiana ed islamica, che sono nate da una matrice comune( Abramo) seppure in tempi distanti tra loro, prendono in considerazione con estrema serietà la fine del mondo ed il giudizio universale da parte di Dio? Come mai anche le religioni Buddista e Induista contemplano anch’esse un periodo di profondo cambiamento in cui si scatenerà  una terribile lotta tra il principio del bene e del male,  cui seguirà l’ epurazione anticamera di una nuova età dell’oro?
E’ difficile comprendere quale sia il motivo per cui, ad un certo punto della loro esistenza, i popoli della Terra abbiano sentito l’esigenza di creare dei credo che hanno molto in comune tra loro, nonostante le distanze spaziali e temporali che li avrebbero dovuti distanziare.
Ciò potrebbe essere sintomo del fatto che, ognuno di questi popoli, abbia veramente avuto una “rivelazione” da parte di un’entità soprannaturale o che la nostra conoscenza, allo stato dei fatti, può decodificare secondo tali sembianze?
Il Corano, il testo sacro dei Mussulmani, contiene le rivelazioni che l’Arcangelo Gabriele avrebbe fatto a Maometto. Egli è considerato non un’entità ultraterrena, come nel Cristianesimo che considera Gesù l’incarnazione di Dio, ma semplicemente un profeta e considera come grande profeta anche il Cristo. Due religioni, la Cattolica e quella Islamica, che seppur si siano sempre scontrate con larghi spargimenti di sangue, si incontrano su parte delle affermazioni  del loro diverso credo.
La Bibbia si chiude con la previsione dell’avverarsi del disegno salvifico di Dio per mezzo di eventi nefasti che hanno come scopo la purificazione del mondo e il regno di Dio sulla Terra.
Il Corano, come la Bibbia, pone come protagonista della fine dei tempi il Dajjai, corrispondente all’anticristo. Il significato di Dajjal è traducibile con mentitore, guiderà il mondo sotto le sembianze di entità benefica per quaranta giorni ( c’è chi sostiene quarant’anni), prima della fine dei tempi. Corrisponde in toto alla “Bestia salita dal mare” di cui ci parla l’apostolo Giovanni; è l’alleato di Satana destinato a soccombere. Nel Corano sarà sconfitto e ucciso proprio dal profeta Gesù prima del giorno del giudizio. Secondo la versione Sciita la venuta delDajjal, che si dichiarerà il salvatore, sarà concomitante a dei massacri in Iraq, quando verranno poste delle taglie su degli uomini anche pur non essendo criminali. A ciò seguirà il ritorno dell’Imam Mahdi( figura cardine dell’Islam), che in realtà non sarebbe mai morto, ma sarebbe soltanto nascosto da centinaia e centinaia d’anni. Prima che Mahdi abbia instaurato il suo governo di pace, antecedentemente alla venuta di Cristo sulla Terra, vi saranno numerose sventure. Tra queste guerre, un forte terremoto che percuoterà con violenza inaudita la Terra (forse è la previsione dell’inversione dei poli magnetici?),il sole inghiottirà la luna, tutte le piante saranno divelte e l’universo si fermerà.
Secondo quelle che sono le credenze della dottrina islamica Sunnita, vi saranno (come nella Bibbia), degli squilli di tromba: il primo ucciderà tutti; il secondo resusciterà i morti; il terzo segnerà l’inizio della lunga e cocente attesa (sotto il sole torrido) del giudizio universale, che comincerà con il quarto squillo. Allora avrà avuto compimento “Qiyama” ovvero la fine del mondo. Come per il Cristianesimo, seguirà un nuovo ciclo in cui s’ instaurerà il regno di Dio sulla Terra.
Tra le diverse credenze appartenenti al credo islamico vi è quella dell’occupazione di Roma durante il governo dell’Imam Mahdi, previsione nefasta se correlata con la profezia di Teresa Musco, una mistica cattolica deceduta negli anni 70 del secolo appena trascorso, che durante un’apparizione mariana, vide il Papa fatto prigioniero e percosso.
Che pensare di queste analogie?

 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner