Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

La drammaticità dell’esistenza nel film di Carlo Verdone
Carlo Verdone firma uno dei suoi recenti migliori film. Posti in piedi in Paradiso, sceneggiatura di Carlo Verdone, Pasquale Plastino e Maruska Albertazzi, e regia di Carlo Verdone, è destinato…

Figli d’arte e di papà PDF Stampa E-mail
Sociale - Sociale
Scritto da Sara Atzori   
Lunedì 17 Novembre 2014 10:49

Appartenere a una famiglia nota comporta dei vantaggi e degli svantaggi. Questa situazione può rappresentare una grande opportunità, ma anche un peso che bisogna portarsi addosso per tutta la vita. Un nome può fare la differenza nell’ambito professionale e sociale.


Portare lo stesso cognome di un personaggio conosciuto può avere i suoi pro. È chiaramente possibile superare un concorso, perché il proprio padre o il proprio nonno sono importanti figure istituzionali e non è corretto mettere da una parte il parente di tali personaggi che godono di notorietà e rispetto. Oppure si potrà avere l’occasione di lavorare nel settore dove lavora il proprio genitore, come la classica situazione delle famiglie dei notai: i notai sono tutti figli e nipoti di notai. Il padre o il nonno non mancheranno di garantire l’accesso al proprio famigliare in un dato ambito professionale, senza alcun ostacolo. Per il figlio di un artista, che sia un attore, un regista o un cantante, sarà semplice trovare il modo per fare carriera nel mondo dello spettacolo.

Essere figlio d’arte o di papà implica anche dei fattori contro. Si potrebbe essere esclusi e considerati degli individui che certamente non rappresentano delle figure di self-made man. La propria carriera è legata a un cordone che non si potrà mai tagliare. Tutto si trasforma in incubo, perché la società comincia a tacciare questa persona di nepotismo e ad affidargli un nome che lui non desidera avere, perché causa di insuccessi. Si verifica uno stato di assenza di meritocrazia e l’individuo viene accusato di aver ottenuto un determinato ruolo, perché "figlio di", ma non per capacità o bravura.

È certo che in tali circostanze l’appoggio è utile per entrare, ma non per restare. In quel caso, è necessario mostrare i propri meriti professionali.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Domenica 23 Novembre 2014 12:11
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner