Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

La trilogia della città di K.
E’ un’atmosfera cupa e pesante quella che si respira in tutta la trilogia della città di K, l’opera-capolavoro della scrittrice ungherese Agota Kristof che ha conosciuto un grande success…

Le miniere in Sardegna PDF Stampa E-mail
Sardegna - Sardegna
Scritto da Sara Atzori   
Lunedì 16 Febbraio 2015 12:06

La ricchezza della Sardegna risiede nel suo sottosuolo. Il territorio isolano è interessato da una quantità variegata di prodotti minerari. Gli Antichi erano a conoscenza di tale fama mineraria sarda e si insediarono nella Regione anche per una conquista di tipo metallurgico.


Durante l’Epoca Romana, la produzione maggiore era legata al piombo e all’argento e le zone maggiormente apprezzate erano quella dell’Iglesiente e quella del Sarrabus. L’attività mineraria era eseguita mediante lo scavo di pozzi verticali. I conquistatori successivi, i Pisani, proseguirono il lavoro di estrazione, continuando a scavare pozzi e gallerie e armati di strumenti quali picconi e cunei. Grazie a questo settore, Pisa si arricchì notevolmente, ma ben presto dovette lasciare campo libero agli Spagnoli, anch’essi bramosi della prosperità fornita dai minerali presenti nell’Isola.

Tra i giacimenti minerari più conosciuti, ci sono quello di Montevecchio, attivo dal 1865 al 1991; quello di Orbai, villaggio minerario ricco di galena; quello dell’Argentiera, che fu preso in gestione da varie figure, fino a quando, nel 1963, tale esercizio minerario si spense; quello di Seddas Moddizis, il quale fu riorganizzato e riportato in auge, grazie alla presenza di calamina; quello di Canale Serci, che fino al 1946 poteva vantare la presenza di cassiterite; quello di Su Zurfuru, nel quale c’era una grande quantità di piombo; quello di Perd’e Pibera, che era particolarmente ricco di molibdenite; quello di Osilo, che era costituito da 5 cave a cielo aperto; quello di Suelzu, dove prevalevano piombo, argento e zinco; quello dell’Argentiera, dove era stato costruito un apposito villaggio per i lavoratori delle miniere e le loro famiglie, e dove, già dal nome, si capisce che veniva estratto l’argento, fino al 1963.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Sabato 28 Febbraio 2015 16:54
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner