Ultime notizie

Caso Del Grande, la libertà di espressione nella Turchia di Erdoğan
La ricerca della verità è un elemento imprescindibile nel lavoro di un giornalista. Ma troppo spesso, per ottenerla, si è costretti a lottare. Soprattutto se ci si trova in un Paese come la…

Leggi tutto...



Le notizie

“Significante”: Gianluca Medas legge Milena Agus
Un vero e proprio torto perderselo. La rassegna di spettacolo tra parola e musica “Significante” ha proposto sul palco del Teatro Club di via Roma a Cagliari una vera prelibatezza per l’an…

Fobie particolari PDF Stampa E-mail
Medicina - Medicina
Scritto da Sara Atzori   
Mercoledì 29 Aprile 2015 10:37

Ciascun individuo, nonostante voglia far credere agli altri di non avere alcuna paura, in realtà, ha le sue personali fobie. Si tratta di timori comuni e di cui non ci si deve vergognare, ma certamente li si può eliminare strada facendo.

La classica paura è quella dell’aereo, perché ci si preoccupa riguardo all’altezza, ai malesseri fisici che possono presentarsi e a un possibile maltempo in arrivo. Sono diversi i fattori che possono determinare questa forte fobia dalla quale è difficile uscire. L’unico modo per combatterla è salire sull’aereo e sforzarsi di godersi il viaggio senza alcuna ansia inutile.

Al secondo posto, ci sono sicuramente gli animali, soprattutto gli insetti. Blatte, ragni, api, tutto ciò che è difficile da afferrare diventa oggetto di terrore, perché quando essi occupano lo spazio altrui o magari salgono sul corpo di una persona, quest’ultima potrebbe non resistere e la prima reazione sarebbe quella di urlare e chiamare aiuto. Anche un ragno particolarmente piccolo potrebbe destare paura e voglia di scappare e chiedere soccorso ad altri maggiormente in grado di scacciare quell’esserino. Dormire serenamente e risvegliarsi la mattina dopo in presenza di una blatta sulla tenda della propria stanza, per coloro che hanno una grossa fobia non è una bella esperienza.

Al terzo posto, c’è la paura del buio. Se si è cresciuti con un fratello maggiore che per l’intera infanzia non ha fatto altro che spaventare e raccontare storielle di defunti e fantasmi, allora è probabile che si è pensato di chiedere ai propri genitori il favore di andare a prendere il pigiama in camera, per paura di andare da soli. Per qualche anno, la luce di notte è stata una grande amica e ha permesso di dormire sereni, senza il terrore che potesse nascondersi qualcuno dentro la stanza.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Maggio 2015 20:19
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2017 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner