Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Gli studenti dell'Università di Cagliari a lezione con i Ratapignata
Una lezione eccezionale e musicale quella che i Ratapignata hanno regalato agli studenti del corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’Università di Cagliari. Ben 6 componenti della…

Punteruolo rosso, il killer delle palme italiane PDF Stampa E-mail
Scienza - Scienza
Scritto da Giovanni Toccu   
Lunedì 07 Giugno 2010 11:50

Si chiama Rhynchophorus ferrugineus e viene dall’Asia. E’ un parassita delle palme, la cui diffusione e’ iniziata nel 1985 negli Emirati Arabi grazie al commercio di palme infette, passando dall’Egitto, dalla Spagna e dalla Costa Azzurra, e’ arrivato fino alla nostra Liguria. Le specie di palma infettate in Italia, sono la Phoenix dactylifera e la P. canariensis, ovvero le più diffuse palme ornamentali del Mediterraneo, altrove se la prende con le palme da cocco e quelle da olio danneggiando gravemente economie di intere regioni. Il punteruolo rosso è un artropode dell’ordine dei coleotteri che si annida dentro le palme e richiama altri parassiti a riprodursi. Le femmine depongono centinaia di uova all’interno del tronco (circa 300). Dopo soli tre giorni le uova si schiudono e le larve iniziano a cibarsi della palma che in poche settimane avvizzisce e muore.
Gli specialisti chiamati per combatterlo hanno provato di tutto, dalla chirurgia alle iniezioni di antidoti fino all’inserimento di microrganismi ma ad oggi si sono dovuti arrendere con un bilancio di 40 mila alberi aggrediti, di cui la metà è stata già abbattuta.
Il parassita arriva in Italia nel 2004 a Pistoia, nel 2005 in Sicilia, poi in Campania, nel Lazio, in Toscana e infine in Liguria. Attualmente la situazione più grave è nel Lazio, dove l’estinzione delle palme è prevista nel 2015, mentre a Roma già nel 2011. Fino a oggi nella capitale su un totale di seimila piante, già circa 1.300 sono state abbattute ed altre 500 almeno sono state colpite.
«E’ un vero disastro: ci sono decine di migliaia di palme morte o in procinto di morire», afferma Valeria Francatti intervistata dal Telegraph, entomologa che sta cercando il modo di combattere la strage silenziosa. Ma la battaglia contro il killer delle palme non è affatto facile: «Non esiste un metodo efficace per eliminare i parassiti», spiega Pio Federico Roversi del consiglio di ricerca dell’Agricoltura a Firenze. «Usare sostanze chimiche è quasi impossibile, perché spesso le palme sono piantate vicino a spiagge o in città, dove i pesticidi metterebbero a rischio la salute delle persone».
combattere questo temibile coleottero con tecniche genetiche non è impresa facile poiché l'insetto muta geneticamente di generazione in generazione diventando sempre più aggressivo e resistente ai rimedi utilizzati dall’uomo.

In Sardegna, a seguito dei risultati dei monitoraggi eseguiti nel territorio regionale da parte dagli ispettori e dai tecnici incaricati dall'Assessorato regionale dell'Agricoltura e dell'Agenzia Laore, sono dichiarate "aree delimitate" e "zone infestate" dal punteruolo rosso delle palme i territori di Capoterra e  Pula nonché in Ogliastra: Barisardo, Baunei, Cardedu, Gairo, Girasole, Ilbono, Jerzu, Lanusei, Lotzorai, Tertenia e Tortolì.
Il Servizio produzioni dell'Assessorato della RAS informa inoltre che “è vietato lo spostamento di tutte le specie sensibili al di fuori o all'interno della zona infestata tranne il caso in cui, per un periodo di due anni, le piante sensibili siano tenute in un sito a protezione fisica totale per impedire l'introduzione dell'organismo nocivo, oppure siano sottoposte a trattamenti preventivi adeguati e dai controlli ufficiali non siano riscontrate manifestazioni dell'organismo. Le palme colpite, individuate dai tecnici regionali incaricati del monitoraggio, devono essere distrutte dai proprietari o conduttori col sistema della cippatura/triturazione, bruciatura o interramento“.

Una nuova speranza nella lotta al parassita arriva da Michel Ferry, ricercatore dell’Inra (Institut scientifique de recherche agronomique) e direttore scientifico della stazione di ricerca di Elche, vicino ad Alicante. Ferry non è d’accordo con la necessità di buttare giù e distruggere completamente i resti delle piante colpite per evitare il contagio «L’abbattimento non è l’unica strada – dice Ferry -. Le palme infestate possono essere curate con successo. Noi lo stiamo facendo da tre anni con una tecnica di risanamento, la dendrochirurgia, che la stazione di ricerca Phoenix ha messo a punto. Abbiamo salvato molte centinaia di palme, alcune anche in Italia».  
E' quindi possibile salvare piante colpite dal punteruolo rosso, «ma la diagnosi deve essere precoce. Molto fortunatamente le larve del punteruolo ruolo attaccano la base delle palme e si possono scoprire facilmente i primi sintomi di sofferenza. Per questo è necessario far capire ai comuni o ai privati che è possibile salvarle le palme infestate».

Intorno alla terribile moria delle palme si sta sviluppando un business di notevoli proporzioni. Sostituire una pianta morta o malata in modo irreversibile può costare veramente caro, anche più di 10.000 euro. I trattamenti per quelle malate possono costare svariate centinaia di euro per non parlare dei costi di smaltimento degli alberi abbattuti.

Giovanni Toccu

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Giugno 2010 14:18
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner