Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

In nome di un Dio Vivente: i funerali di Sai Baba
È finita. Sai Baba è stato tumulato stamattina. Funerali di stato a porte chiuse, ma in diretta tv. La “darshan” è finita. I suoi 500 mila seguaci possono tornarsene a casa loro, finalmen…

Disoccupazione: mai così alta PDF Stampa E-mail
Sociale - Sociale
Scritto da Daniela Vargiu   
Mercoledì 07 Luglio 2010 11:06

Stamane a Parigi è stato presentato l'Employment outlook 2010 dell'Ocse. Si tratta di un rapporto sul tasso di disoccupazione nei Paesi membri, i cui dati non sono affatti incoraggianti. Così si legge: ''Partito dal livello minimo in 28 anni del 5,8% a fine 2007, il tasso di disoccupazione nell'area Ocse e' cresciuto fino al punto massimo del dopoguerra, l'8,7%, nel primo trimestre 2010, che corrisponde a 17 milioni di persone disoccupate in piu'''. Il calo del tasso di occupati è di  intensita' differente nei vari Paesi membri, e ''le differenze nella diminuzione del Pil lasciano in gran parte inspiegato''.

Dal dicembre 2007 a marzo 2010 Il tasso di disoccupazione è cresciuto del 2,9, in maniera diversa nei diversi Paesi. A un estremo ci sono gli aumenti di Irlanda (+8%) e Spagna (+10%), mentre nell’altro estremo si collocano  Germania, Austria, Belgio, Norvegia e Polonia. L’Ocse ha rilevato che il calo dei posti di lavoro ha colpito in modo particolare alcuni settori, per esempio l’edilizia, e i lavoratori giovani. Così si legge nel rapporto: "la perdita di posti di lavoro è stata sproporzionatamente ampia per alcuni tipi di impiego e settori", come per esempio "l'edilizia, i lavoratori a termine e quelli con competenze basse, i giovani". Inoltre "l'occupazione è diminuita più tra gli uomini che tra le donne, probabilmente a causa della natura settoriale della recessione".

L'occupazione per gli autonomi è calata circa quanto quella dei dipendenti, mentre è maggiore il rischio di perdita lavoro tra gli assunti a tempo determinato. 

I dati circa disoccupazione nell'area Ocse non sono dunque positivi, ma si spera che quello raggiunto sia il picco massimo, prima di una eventuale ripresa. L'Employment outlook 2010 dell'organizzazione parigina scrive che "la ripresa non sembra essere abbastanza vigorosa per riassorbire rapidamente gli attuali alti livelli. Il tasso di disoccupazione dei Paesi Ocse dovrebbe ancora essere al di sopra dell'8% alla fine del 2011. Il rischio che il forte aumento nella disoccupazione diventi di natura ciclica aumenta. Tale rischio però varia fortemente da Paese a Paese, riflettendo le diversità nelle esperienze delle varie aree durante la crisi". 

L'Ocse invitai Paesi membri a lavorare per migliorare la situazione, tramite fondi per il sostegno all’occupazione  e programmi che favoriscano i gruppi più svantaggiati. 

Daniela Vargiu

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Luglio 2010 20:52
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner