Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

A chi devono dare la colpa i dinosauri?
È tempo di nuove teorie per spiegare il fenomeno di estinzione delle specie viventi avvenuta 65 milioni di anni fa. Esseri viventi (come i dinosauri) che, per il 70%, non occupano più la nostr…

Ducati e Rossi insieme dal 2011 PDF Stampa E-mail
Sport - Sport
Scritto da Fabio Useli   
Martedì 17 Agosto 2010 18:41

Valentino Rossi sarà in “rosso” dal 2011. E il “rosso” in questione non riguarda certo il suo conto in banca, ben lungi dall’essere stato intaccato dalle disavventure fiscali di qualche tempo fa. Si tratta del rosso della livrea Ducati: la casa di Borgo Panigale dal prossimo anno potrà infatti contare sulle cure del “Dottore”. Dopo un balletto di dichiarazioni, voci di corridoio e relative smentite durato qualche giorno, l’annuncio ufficiale è giunto poco dopo la bandiera a scacchi del Gran Premio della Repubblica Ceca. Sono le 18, una mail targata Yamaha recita lapidaria: “Il rapporto con Valentino Rossi si chiuderà alla fine del 2010”. Poche scarne parole, che lasciano immaginare una conclusione non esattamente tranquilla del connubio tra Rossi e la Yamaha. La lettera di Valentino arriva alle agenzie pochi minuti dopo, quando ormai il sito della Ducati, forse per errore, forse per eccesso di entusiasmo, già titolava “Rossi in Red” da circa un’ora. Dal pilota una dichiarazione scritta a mano, qualche cancellatura, tutto sommato un addio sentito alla scuderia con cui in sette anni il “Dottore” ha conquistato il tetto del mondo per quattro volte. “E’ arrivato il momento di trovare nuove sfide, il mio lavoro qua è finito. Purtroppo anche le più belle storie d’amore finiscono, ma ti lasciano un sacco di bei ricordi” – scrive il centauro di Tavullia.

 

Ricordi di gloria e di riscatto: la Yamaha M1, all’arrivo di Valentino nel 2004, era tutt’altro che una moto competitiva. “Tante cose sono cambiate dal mio arrivo, sette anni fa, ma soprattutto è cambiata lei, la mia M1. All’epoca era una povera MotoGP da metà schieramento, derisa da buona parte dei piloti e addetti ai lavori. Adesso, dopo averla aiutata a crescere e a migliorarsi, la vedi lì, sorridente nel suo box, corteggiata e ammirata, trattata insomma come la prima della classe.” Lunghi anni di lavoro e di vittorie, ma ora è tempo di cambiare. L’arrivo in Ducati segna l’inizio di un binomio moto-pilota tutto italiano, l’accoppiata di due marchi vincenti che rimanda inevitabilmente agli antichi fasti di Agostini in sella alla MV-Agusta.

 

“Un’eccellenza nel panorama motociclistico mondiale, coerente con la nostra caratteristica di azienda italiana, portabandiera dei valori del “made in Italy” che trovano nella tecnologia, nel design e nella sportività gli elementi distintivi e la chiave del successo. Un accordo che è stato reso possibile oltre che dalla ferma volontà delle parti, anche dal convinto supporto del nostro azionista Investindustrial e di tutti gli sponsor del Ducati Marlboro Team, che hanno creduto in questa opportunità e continuano a darci fiducia, condividendo e appoggiando le nostre scelte” ha dichiarato Gabriele Del Torchio, presidente della Ducati Motor Holding.

 

Fino al Gp di Valencia proseguirà così il rapporto da “separati in casa” tra Rossi e la Yamaha (“Da qui alla fine io metterò sempre il 100%, mi aspetto che loro facciano la stessa cosa” ha punzecchiato Valentino in conferenza stampa). In attesa di arrivare in pompa magna a Borgo Panigale, dove lo aspettano due anni di contratto a circa 12 milioni di euro l’anno. E in attesa che anche con la “rossa” per eccellenza delle due ruote scocchi quella stessa scintilla che c’era stata con la M1 nel 2004, nella vittoria all’esordio con la Yamaha: “Non dimenticherò mai il primo bacio che ci siamo dati sull’erba di Welcom, dove lei mi ha guardato dritto negli occhi e mi ha detto “Ti amo””. Amore vero, senz’altro, ma ora è tempo di nuove sfide.

 

Fabio Useli

Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Agosto 2010 09:43
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner