Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

“Ludopark…10 piazze da giocare”
Giochi di ieri, giochi di oggi: questo il segreto del successo di un’iniziativa come “Ludopark…10 piazze da giocare”, che dopo la fortunata edizione dello scorso anno si riconferma uno t…

Orrore a Sydney: cadavere di neonato in una scatola di scarpe PDF Stampa E-mail
Sociale - Sociale
Scritto da Flavia Attardi   
Giovedì 19 Agosto 2010 17:13

Alle otto di mattina locali, un giardiniere in servizio nel sobborgo di Strathfield (Sydney, Australia) ha fatto la macabra scoperta: parzialmente nascosta sotto una pila di torba, una scatola di scarpe con dentro il corpo di una bimba con il cordone ombelicale ancora attaccato. Dalle prime indagini è emerso che la scatola probabilmente è stata depositata di notte o al massimo nelle 24 ore precedenti il ritrovamento, dato che il giardiniere nel suo giro di ieri non aveva notato nulla di strano. Difficile risalire all’identità della madre: l’area verde che la polizia australiana sta perlustrando in cerca di indizi è accessibile da un vialetto pedonale che attraversa il perimetro di otto edifici dove abitano parecchie famiglie. 

Ai residenti della zona è stato chiesto di riferire sulle donne in stato di gravidanza che hanno notato di recente ma non è detto che la piccola sia stata partorita nelle vicinanze. Pare infatti che il sentiero pedonale che corre lungo una linea ferroviaria sia spesso teatro di gravi vicende: accade spesso che delle bande di giovani criminali rapinino i pendolari che si trovano ad attraversare la zona per necessità o per abbreviare il percorso tra le due stazioni di Homebush e Strathfield. L’illuminazione stradale, che molti hanno dichiarato del tutto inadeguata, è il principale indiziato di una situazione esplosiva che in passato è balzata agli onori della cronaca per un omicidio.

Dall'altra parte del mondo si sono quindi svegliati con l'ennesima notizia di cronaca agghiacciante. Ciò che accade nell’altro emisfero non è però molto diverso da quello che viviamo ogni giorno nelle nostre città: al di là degli episodi in cui a morire sono surfisti o pescatori attaccati da squali, coccodrilli o meduse assassine, cosa da queste parti assai rara, le periferie dei grossi centri abitati diventano zona di coltura del crimine senza che le amministrazioni locali riescano ad intervenire efficacemente. Il Bronx si chiama Scampia a Napoli, Cesano Boscone a Milano, Sant’Elia a Cagliari: ovunque ci sia la cosiddetta ‘banlieue’, vige la legge del più forte e chi vuole sopravvivere deve imparare a non guardare e tirare dritto. Si tratta di sopravvivenza più che di vita anche se a volte la differenza la fa un’amministrazione attenta ad evitare che il degrado sociale diventi baratro. A volte si tratta di pulizia e illuminazione delle strade, a volte di centri di ascolto e assistenza per intervenire nelle situazioni di disagio, altre volte di evitare la ghettizzazione concependo soluzioni abitative capaci di andare oltre i casermoni di tanta edilizia popolare.

Le politiche per l’infanzia e il sostegno alle famiglie sono un altro aspetto a cui viene da pensare nel leggere la vicenda australiana. Di neonati nei cassonetti si parla purtroppo spesso anche da noi in Europa. E’ di pochissimo tempo fa la scoperta di un giardino francese dove una madre mentalmente instabile aveva sotterrato i frutti di molte gravidanze indesiderate. Nessuno ha dimenticato il congelatore di quella insospettabile signora austriaca o tedesca che conteneva minuscoli corpicini senza vita in doppia cifra. Situazioni limite, certo, mostri, ma quando il tasso di mostruosità sale, è bene chiedersi se la nostra società ha in sé gli anticorpi per venire fuori dall’angolo. In alternativa, stiamo a guardare impotenti aspettando che passi. E’ innanzitutto un fatto di civismo e civiltà perché la politica viene dopo. Da noi come agli antipodi.

Flavia Attardi

Ultimo aggiornamento Venerdì 20 Agosto 2010 13:33
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner