Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Lotta alla dispersione scolastica; solo parole?
Tra gli obiettivi principali della Strategia Europa 2020, vi è l’incremento dei livelli di capitale umano. Le abilità, le conoscenze e le competenze della popolazione sono un volano per l’…

Il mondo sull'orlo di una crisi di nervi PDF Stampa E-mail
Esteri - Esteri
Scritto da Andrea Concas   
Martedì 23 Novembre 2010 12:04

A due settimane dal “presunto” missile balistico cinese avvistato (e forse abbattuto) al largo della California, il mondo vive un nuovo pericoloso momento di tensione politico-militare. La Corea del Nord questa mattina (alle 6.24 ora italiana) ha aperto il fuoco contro un villaggio di pescatori  che si trova su una piccola isola sudcoreana nel Mar Giallo. L’artiglieria dei nordcoreani  ha cannoneggiato l’isola sudcoreana di Yeonpyeong  che si trova  nell'ovest della Penisola coreana.  Duecento i colpi sparati, cinquanta quelli che hanno colpito bersagli civili (case, barche, ecc.). Le truppe di Seoul presenti sulla piccola isola hanno immediatamente risposto al fuoco.  “L’esercito sudcoreano, ha riferito il colonnello Lee Bung-woo (portavoce degli Stati Maggiori di Seul), ha risposto al fuco con colpi di artiglieria”.

Quasi una settantina le case in fiamme . La popolazione si è rifugiata nei bunker antiaerei.  Ci sarebbero comunque morti e decine di feriti, così riferisce l'agenzia sudcoreana Yhonap.

"Mi trovavo in casa quando sono stato sorpreso dalle esplosioni - ha dichiarato Kim Dan, uno dei 1780 abitanti dell’isola.  - Sono uscito, l'intero villaggio era un mare di fuoco. Ora sono con altri in un rifugio, ma tremo ancora per la paura”. Non si conosce ancora il motivo che ha spinto Pyeongyang a intraprendere questa pericolosa azione militare ma è possibile che la causa scatenante possa essere legata ad una qualche violazione dei pescherecci di Yeonpyeong, quotidianamente impegnati al confine con la Corea del Nord. 

Dalle poche immagini televisive che sono giunte alle tv occidentali si vedono quattro colonne di fumo levarsi da vari punti dell'isola, che si trova lungo la linea di confine tra i due Paesi.  Seul,  la capitale del Sud, ha inviato una squadriglia di caccia.

Cina, Russia e Usa seguono con la massima attenzione l’evolversi della crisi. Il presidente sudcoreano Lee Myung-bak, al termine di un incontro d'urgenza del governo,  ha dichiarato che sta cercando di impedire che lo scambio di colpi di artiglieria con il Nord scateni una escalation in un conflitto più ampio. Il presidente della Corea del Sud ha anche ribadito che se le "provocazioni continueranno" la risposta di Seul sarà "più forte".

Andrea Concas

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Novembre 2010 12:23
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner