Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Incontro fra Italia e Cina
  La Cina intrattiene negli ultimi anni costanti e produttive relazioni economiche e diplomatiche. Nelle nostre università si allignano studenti cinesi che usufruiscono di borse di studio par…

Lucido Sottile si racconta PDF Stampa E-mail
Teatro - Teatro
Scritto da Marco Mura   
Sabato 26 Marzo 2011 00:00

Lucido Sottile colpisce ancora ed è centro pieno. Uno spettacolo autocelebrativo quello messo in scena questa sera all’Auditorium di piazza Dettori nel cuore di Cagliari. Cucito come un dialogo che avviene in camerino tra Michela Sale Musio e Tiziana Troja, l’atto unico ripercorre a volo d’uccello, ma a volte con dovizia di particolari, la storia e il vissuto artistico e professionale della compagnia con ricordi legati anche al quotidiano. “Le Lucide” si sa, sono davvero brave e miscelando con grandissima abilità umorismo e autoironia riescono a farlo vedere benissimo.

 

A chi non credeva, a chi non capiva, ma anche a chi le ha sempre sostenute nella realizzazione dei loro progetti e in primis a se stesse le due protagoniste sembrano dedicare questo lavoro divertente che ha trovato pieno successo di pubblico. Belle, innegabile, e brave le due ragazze terribili (ma perché poi?) del panorama artistico locale ma non solo, ne hanno veramente per tutti. Il primo a farne le spese è ovviamente l’ex ministro della Cultura Sandro Bondi e la politica dei tagli messa in atto da questo governo.

Riferimenti, ammiccamenti, nomi detti chiaro e tondo, ministri, assessori, giornalisti, critici, direttori di banche, fidanzati, sembrano davvero non voler dimenticare nessuno. «Tutto cominciò con LU-dovica, CI-nzia, Do-natella e una ragazza esile esile che tutte a causa della sua magrezza chiamavano Sottile. Poi…arrivamo noi, sedici anni dopo….Non ci volevamo chiamare “Grosso e opaco”». Ricordano con la leggerezza di chi in qualche modo è riuscito a fare il mestiere che ha sempre desiderato il scetticismo incontrato lungo un percorso.

Impegnativo e fatto di fatica e duro lavoro ha fatto di queste due ragazze due vere professioniste del teatro. Vere protagoniste delle loro scelte: «Tu ce la fai a timbrare il cartellino tutti i giorni e a farti dare ordini da uno che ne sa meno di te? E se ce la fai tu…stai tranquilla, anche noi ce la possiamo fare. È un lavoro come tutti gli altri con le stesse responsabilità, le stesse rogne,  l’Empas, la Siae, l’Irap, il commercialista, il modello unico, l’F24…ma nonostante tutto…nessuno, ma proprio nessuno ci prende sul serio».

Sottili, ma non sempre, Lucide e attente riescono a tenere costantemente il polso del pubblico. Il loro falso reading, una vera e propria frecciata ai colleghi che sembrano aver preso questa unica via rappresentativa. Dimostrano che con professionalità e soprattutto passione è possibile confezionare ugualmente uno spettacolo godibile e divertente. Il messaggio è “anche se i fondi pubblici vengono meno, se vuoi fare questo lavoro è necessario che a pagarne le spese non sia la qualità del tuo lavoro né tanto meno gli spettatori.

Amicizia è quello che si vede sul palco. Ballano, cantano, recitano molto bene, lo sappiamo, ma quello che rimane negli occhi alla fine oltre la galleria di personaggi e di citazioni, tutte assolutamente indimenticabili come la Ginger e la Nives che chiunque vorrebbe avere come amiche un po’ (ma soltanto un po’) svampite, quello che resta chiaro e evidente è un’amicizia che resiste. Sicuramente provata dallo scorrere del tempo e dalle difficoltà, solida e propositiva. E domani alle 19 si replica.

 

 

Marco Mura

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Marzo 2011 15:00
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner