Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Brutti ricordi addio. Scoperta la pillola dell’oblio
Alzi la mano chi non ha mai desiderato, almeno una volta nella vita, la possibilità di cancellare dalla propria testa un brutto ricordo? Talvolta basta un niente, infatti, perché un pensiero o…

Nozze di Sangue a Cagliari PDF Stampa E-mail
Teatro - Teatro
Scritto da Margherita Sanna   
Giovedì 18 Novembre 2010 00:00

Due generazioni di attori (Teatro stabile e Compagnia ATIR), due luoghi diversi l'Andalusia del dramma originario di Garcia Lorca e la Barbagia anni 30' portata in scena da Serena Sinigaglia, due lingue differenti l'italiano e il sardo. Binomi riuscitissimi, quelli dello spettacolo Nozze di Sangue andato in scena a Cagliari, Teatro Massimo, e ora a Milano, Teatro Ringhiera fino al 12 dicembre. Dramma teatrale che nel raccontare la storia d'amore e di disamore di due uomini e due donne, utilizza un registro linguistico che non solo audacemente fonde sardo barbaricino e italiano, ma mescola, in un elegante code switching, lingue diverse sulle labbra della Moon, La Luna, voce narrante e polemica dell'opera, efficacemente interpretata da Sax Nicosia.

Scelta irriverente e interessante questa, con una Luna seminuda, semidonna, semicolorata, che ben sintetizza la contraddizione delle passioni. Plurilinguismo, che è cifra stessa della modernità, e identità, si gioca tutta qui l'opera che la regista, grazie anche all'efficiente aiuto del drammaturgo, scrittore, ben noto nell'Isola e al di fuori, Marcello Fois, ha portato in scena in un Teatro Massimo gremito e soddisfatto, a giudicare dagli applausi e dall'attenzione che ha rivolto per tutte le due ore dello spettacolo. Nozze di sangue piace al pubblico e alla critica. L'intensità che trapela in ogni micromovimento della rappresentazione, l'attenzione minimale ai pochi elementi sulla scena (sedie, lenzuola, fili, ceste..), sono frutto di uno studio approfondito e coscienzioso.

 

La fusione tra gesto e musica (del polistrumentista Gavino Murgia) è armonica, ben legata da un ritmo cadenzato e intenso che riesce a non stancare. Le due generazioni di attori (vedi i dialoghi tra la madre, Lia Careddu e S'isposu, Marco Brinzi; Sa teracca, Maria Grazia Bodio e Lenardu, Mattia Fabris) si sposano senza il benché minimo attrito in una collaborazione reciproca efficace e realistica, dando vita a dialoghi di grande drammaticità. La scena diviene attrice anch'essa senza debordare mai, fungendo da cornice attiva nella rappresentazione, cosicché i fili che intrappolano sulla scena S'isposa (Sandra Zoccolan), S'isposu (Marco Brinzi) e Lenardu (Mattia Fabris) impedendogli di liberarsi dal sangue e dalla passione, dall'odio e dalla vendetta, che li ha rincorsi per tutto il dramma; intrappolano anche le maglie del racconto, le serrano, le tirano, finché pathos e spettacolo non si identifichino completamente. Nozze di sangue, che fin dall'esordio riecheggia la tragedia greca, è un'opera teatrale che nella sua commistione fra vecchio e nuovo, anziano e giovane, gioca e vince la sua partita con lo spettatore.

 

Margherita Sanna

 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner