Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Incontro fra Italia e Cina
  La Cina intrattiene negli ultimi anni costanti e produttive relazioni economiche e diplomatiche. Nelle nostre università si allignano studenti cinesi che usufruiscono di borse di studio par…

Les Ballets Jazz de Montreal a Cagliari PDF Stampa E-mail
Cultura e spettacolo - Cultura e spettacolo
Scritto da Margherita Sanna   
Giovedì 10 Marzo 2011 00:00

Indubbie capacità coreutiche, quelle dimostrate domenica 6 febbraio da Les ballets Jazz de Montreal a Cagliari, teatro del Conservatorio, per l'ultimo spettacolo in programma nel cartellone del circuito regionale Danza Sardegna. Un successo questa programmazione che ha visto alternarsi dal 31 ottobre 2010 a Cagliari (il 28 ottobre a Tempio Pausania) diverse compagnie e stili, senza mai ripetersi e annoiare lo spettatore. Giunto alla settima edizione, organizzato dall'Associazione Enti locali per lo Spettacolo, quest'anno il circuito Danza ha portato in scena quattro spettacoli che mirano a mostrare la qualità e la magnificenza artistica.

 

E così l'eleganza e la particolarità de Les ballets Jazz de Montreal si sposa splendidamente con quest'intento. La compagnia, diretta dal 1998 da Louis Robitaille, si impegna a promuovere lo stile del BJM grazie alla partecipazione di nuovi coreografi e ballerini di grande talento. Essere un punto di riferimento per la danza jazz e neoclassica contemporanea in Canada, questo è l'intento che la compagnia si è prefissata. In giro per il mondo per far conoscere questo innovativo stile di danza frutto di contaminazioni che inserisce il quotidiano in maniera dirompente sul palcoscenico.

Due le opere di Aszure Barton portate in scena a Cagliari: Jack in the box e Les Chambres de Jacques.La prima, di nuovissima creazione, breve, esplora i limiti del corpo. La ballerina sollevata e “azionata” dal suo partner imparerà a muovere i suoi primi passi. Persistente e cadenzato il suono di una voce, come una segreteria telefonica, come un segnale ripetuto, che percorrere tutta l'ultima parte della coreografia e stabilisce il dialogo fra allieva e maestro. La seconda, Les Chambres de Jacques, creazione già conosciuta della coreografa di New York, più ampia e articolata, sorprende lo spettatore e lo sollecita nella comprensione del dialogo interattivo tra video e ballerini. Inglese, francese, italiano, Les Chambres de Jacques parla più lingue nei comandi che impartisce tramite una sorta di videogioco in megaschermo. Impazzisce e si stanca il corpo di ballo nella rappresentazione dell'ultima coreografia che ammicca allo spettatore intento a cogliere e decodificare questa inusitata danza.

Limite unico dello spettacolo la durata, talmente breve da lasciare lo spettatore ancorato alla sedia nell'attesa di un'altra coreografia, che non arriva. Per ora.

 

Margherita Sanna

 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner