Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Emergenza uragano Isaac
È allerta in Louisiana per il passaggio dell’uragano Isaac, retrocesso nelle scorse ore a tempesta tropicale. I danni complessivi, fino ad ora, ammontano a circa un miliardo e mezzo di dollar…

Nuovi contagi all'Ospedale Gemelli di Roma PDF Stampa E-mail
Italia - Italia
Scritto da Margherita Sanna   
Venerdì 26 Agosto 2011 16:36

Salgono a 16 i neonati contagiati dall'infermiera affetta da tubercolosi al Policlinico Gemelli di Roma. Altri tre casi sono stati accertati ieri: tre femmine e un maschio. Tre nati a marzo, uno ad aprile. Continuano i controlli per accertare quali e quanti altri siano i contagiati. Finora ce ne sono stati 860. 1271 sono i neonati da controllare nati tra marzo e luglio. Per questo Renata Polverini, commissario ad acta della Sanità per la regione Lazio, ha disposto che i controlli saranno effettuati anche dal San Camillo e dal Bambin Gesù. Entro fine agosto si dovranno avere i dati definitivi.Il ministro della salute Ferruccio Fazio ieri, dalle colonne de “La Repubblica”, ha tenuto a precisare che non si tratti di un'epidemia e le colpe non siano da attribuirsi né all'infermiera – ricoverata allo Spallanzani- né al personale dell'ospedale poiché la tubercolosi ha una lunga incubazione con sintomi aspecifici. Intanto è stata aperta un'inchiesta dalla Procura di Roma, e il Presidente della Commissione d'Inchiesta sugli errori sanitari, Leoluca Orlando (Idv), ha chiesto alla Polverini una relazione dettagliata su quanto avvenuto. «La Commissione d'inchiesta che presiedo, anche con riferimento ad accertamenti già prontamente disposti dalla Polverini stessa - ha dichiarato Orlando - intende acquisire ogni dato utile a conoscere lo svolgimento dei fatti, sia in merito ad eventuali criticità organizzative riscontrate, che in ordine ad iniziative amministrative, sanzionatorie e/o cautelari, assunte a fronte di responsabilità individuali eventualmente emerse».

Com'è stato possibile che un'infermiera lavorasse per ben quattro mesi pur essendo malata? Come ha contratto la malattia pur essendo vaccinata? Nessuna risposta finora. La donna si era assentata solo un giorno per tosse, niente di più grave. Eppure dal momento in cui l'infermiera è risultata positiva ai controlli, a quello in cui sono state predisposte le analisi sui neonati, sono passate tre settimane. Perché?

Annualmente 8 milioni di persone al mondo si ammalano di tubercolosi, il più delle volte polmonare, ma solo 2 milioni muoiono a causa del “Bacillo di Koch”. I Paesi maggiormente colpiti dal batterio sono quelli in via di sviluppo. E ancora la domanda è: com'è accaduto che l'infermiera si sia ammalata? Sicuramente se la pone anche lei, che certamente non si sente psicologicamente bene sapendo di aver contagiato tanti neonati. Fortunatamente "L'Unità di coordinamento che sta gestendo la situazione, attraverso i suoi esperti - rende noto la Regione Lazio - ricorda che la positività al test non significa malattia ma esprime l'avvenuto contatto con il bacillo. Pertanto, sui quattro neonati sono stati già programmati ulteriori controlli e sarà proposta la profilassi prevista dal protocollo definito dall'Unità di coordinamento. La profilassi, definita anche dalle linee guida internazionali, evita il rischio di sviluppare la malattia a seguito dell'avvenuto contatto con il micobatterio". Ma difficilmente questo basterà a quei genitori che con crescente ansia aspettano di ricevere una telefonata dall'ospedale che gli dirà: “Suo figlio è risultato positivo al test”.

 

Margherita Sanna

Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Agosto 2011 08:46
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner