Ultime notizie

Di che segno sei
Quando si acquista una rivista, molte persone si dedicano alla lettura dell’oroscopo. Qualcuno lo controlla perché ci crede realmente e, come un effetto placebo, pensa che ciò che c’è scr…

Leggi tutto...



Le notizie

Final Four 2010: la Virtus fa gli onori di casa e pensa all’A1
Non di solo calcio vive la Sardegna sportiva. E per fortuna, verrebbe da dire, visti i bocconi amari mandati giù nelle ultime domeniche. Esistono anche altre realtà, troppo spesso trascurate d…

Allarme obesità negli Stati Uniti: l'86% dei lavoratori ha problemi con la bilancia PDF Stampa E-mail
Medicina - Medicina
Scritto da Luisa Cocco   
Mercoledì 19 Ottobre 2011 15:03

Che negli Stati Uniti l’obesità sia da sempre un problema di portata nazionale non è una novità: dai bambini alle persone più adulte, questa malattia affligge tutta la società americana in modo trasversale, senza distinzioni di sesso, età o condizione sociale. Molti studi sono stati pubblicati al riguardo sulle riviste mediche più specializzate ma finora nessuno di questi lavori  aveva messo in luce i costi nascosti che tale patologia presenta dal punto di vista della produttività. A quantificarli ci ha pensato una ricerca Gallup, i cui dati sono stati divulgati proprio in questi giorni sul Wall Street Journal, e incredibile ma vero secondo gli esperti l’86 per cento dei lavoratori sarebbe obeso o in soprappeso, o avrebbe comunque problemi di salute cronici legati al peso. Un quadretto abbastanza inquietante soprattutto se si considera che questo fenomeno potrebbe costare fino a 153 miliardi di dollari all’anno in produttività mancata per malattie: i ricercatori hanno, infatti, riscontrato che le persone obese sarebbero tendenzialmente meno produttive rispetto alle persone di peso normale.

Secondo i risultati della ricerca esisterebbe cioè una relazione diretta tra l’aumento del peso e la perdita di produttività, tanto negli uomini quanto nelle donne, e non solo in termini di giornate lavorative perse. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, infatti, l’assenteismo sul posto di lavoro è il problema minore: sebbene non in condizioni fisiche ottimali, gli obesi si presentano quasi sempre a lavoro, salvo eccezionali impedimenti. Il vero problema sembra piuttosto legato allo scarso rendimento produttivo di queste persone, la cui condizione rischia alla lunga di farle diventare inutili all’interno del complesso ingranaggio aziendale nel quale sono inserite. Se finora quindi gli studi precedenti avevano tenuto d’occhio soltanto i costi sanitari associati alla malattia, per la prima volta ad essere esaminati sono i danni causati alla produttività dalla presenza di queste persone nel mondo del lavoro.

La ricerca è stata condotta su oltre 100 lavoratori a tempo pieno e ha evidenziato che due terzi di essi sono quanto meno in sovrappeso e la metà sono obesi e hanno almeno un problema di salute cronico. Risultati che però potrebbero benissimo essere al di sotto della realtà, visto e considerato che i dati sono stati elaborati in base alle informazioni fornite dagli stessi intervistati e che la tendenza a sottostimare il proprio peso sembra essere un’abitudine abbastanza diffusa come testimoniano anche altri studi. Senza contare poi che questi dati potrebbero, inoltre, essere soggetti ad un ulteriore peggioramento a causa della lentezza della ripresa economica: l’alto tasso di disoccupazione e le pressioni psicologiche subite dai lavoratori sono, infatti, tra i fattori di stress più direttamente collegati al problema dell’obesità. Ovviamente non esiste una ricetta perfetta per combattere un problema che si è così profondamente radicato nella società come un tumore ma molto si può fare in termini di prevenzione. E i primi ad investire in programmi di educazione alimentare e miglioramento della salute dei propri dipendenti dovrebbero essere proprio i datori di lavoro: una dieta corretta nelle mense aziendali, attività di educazione alimentare e ancora incentivi economici o di altra natura  sono solo alcuni dei molti aiuti che un’azienda potrebbero pianificare per far fronte al problema dilagante dell’obesità.

Luisa Cocco

 

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Ottobre 2011 13:25
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2014 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner