Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

“Orecchio bionico” per riacquistare l’equilibrio
Costruire un orecchio artificiale che permetta di ristabilire l’equilibrio perduto. Il cosiddetto “orecchio bionico” che permetterebbe tutto questo è meta ambita, alla quale lavorano dive…

Una sconfitta già preannunciata PDF Stampa E-mail
Sport - Sport
Scritto da margherita sanna   
Lunedì 09 Gennaio 2012 16:01

Perde il Cus, ancora. 72 a 58 contro il Cras Taranto. Trasferta al PalaMazzola di Taranto. Una squadra, quasi impossibile da battere. Al primo posto in classifica, il Cras Taranto, vanta tre Supercoppa italiana vinte, protagonista anche in Europe Cup, e un ventaglio di giocatrici dalla nutrita esperienza: l’italo americana Michelle Greco, Megan Marie Mahoney, nota per i suoi numerosi canestri (una media di 12,7 punti di media a partita), che nella partita contro il Cagliari ha realizzato 10 punti. Per non parlare del capitano del Cras Taranto, Simona Ballardini, con ben diciassette serie A1 alle spalle a soli 31 anni, ottima cestista, ieri ha portato in casa Cras ben dodici punti. Insomma non c’era partita. Sebbene le nostre siano state agguerrite e abbiano lottato su ogni palla, la squadra di coach Xaxa è caduta, schiacciata dalla mastodontica Cras Taranto. Eppure Darrett sia stata la migliore realizzatrice di tutta la partita per entrambe le squadre (15 punti), non è bastato. Nel Cras Taranto segnano tutte perlomeno un canestro, sono più esperte, sanno gestire i momenti critici, sanno organizzarsi, coordinarsi. E questo ha fatto la differenza. Per non parlare della panchina corta del Cagliari, che ormai con sole dieci effettive, si ritrova a non poter dare il giusto respiro alle proprie atlete, e rischiare sempre il tutto per tutto. Una sconfitta che brucia, ma non troppo, perché quando il Cus Cagliari ha tentato ad agosto la strada del campionato A1, era ben consapevole dei propri limiti, sapeva di non poter certamente agognare al primo posto in classifica. Ma la salvezza, quella sì, è possibile. Anzi, è doverosa, verso sé stesse, e verso i propri tifosi. L’entrata in A1 del basket femminile isolano ha infatti, fatto risorgere una nuova curiosità verso questo sport di grande bellezza ed energia, che vive una stagione felice proprio nelle squadre femminili. Ieri ha perso il Cus, ma domenica, al PalaCus, contro il Club Atletico Faenza, prima partita del girone di ritorno, speriamo tutti che vinca. La squadra infatti è all’ottavo posto in classifica, con dieci punti, e aveva sconfitto il Cus nella partita di andata, il 16 ottobre per 73 a 59. Una di quelle partite che ora la squadra nostrana potrebbe vincere, e vedremo se dopo ben 34 anni di assenza dalla serie A1, il Cus di Xaxa riuscirà a consolidare una sfida che ha dell’impossibile, come le più belle.


 

 

Margherita Sanna


 

 

Cras Taranto – Cus Cagliari 72 – 58

 

Parziali: 14 - 20; 36 - 20; 55 – 40

 

Cras Taranto: Mahoney 10; Vaughn 12; Sottana 3; Ballardini 12; Giauro 10; Pascalau 7; Godin 3; Siccardi 4; Gianolla 7; Greco 2. Allenatore: Roberto Ricchini

 

Cus Cagliari: Bergante 0; Lukacovicova 4; Giorgi 4; Fabianova 8; Plumley 9; Darrett 15; Oppo 2; Arioli 9; Brunetti 4; Wabara 3. Allenatore: Federico Xaxa

 

Arbitri: Riosa di Trieste; Sivieri di Vigarano Mainarda

 

Tiri Liberi: Taranto 13/16; Cus 13/15

 

Tiri da Tre: Taranto 3/8; Cus 5/12

 

Tiri da Due: Taranto 25/55; Cus 15/42

 

 

Ultimo aggiornamento Martedì 10 Gennaio 2012 14:55
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner