Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Dietrofont sulle pensioni
Dopo le dure proteste di opposizione, sindacati e parte della maggioranza, il governo “ritocca” la finanziaria. La manovra di ferragosto che prevedeva l'annullamento nel conteggio delle pens…

“The Gnostic Prelude”, i preludi sublimi di John Zorn PDF Stampa E-mail
Cultura e spettacolo - Cultura e spettacolo
Scritto da Margherita Sanna   
Venerdì 27 Aprile 2012 16:56

La musica è emozione, sensazioni che si sprigionano con forza anche quando le note sono così delicate e melodiose da sembrare piume che sfiorano la pelle. La musica parla con la nostra interiorità artigliandosi nelle pieghe della nostra anima in un modo così viscerale, pulsionale, che difficilmente le altre arti possono competere. L’ultimo album di John Zorn è musica: sublime, intensa e delicata. “The Gnostic Prelude” – questo il titolo dell’album- è uscito a Febbraio, ultimo capitolo dell’esplorazione di John Zorn di musiche mistiche che comprende “In Search of the Miraculous”, “The Goddess” e “At the Gathes of Paradise”. John Zorn, compositore, polistrumentista e inventore dell’etichetta discografica Tzadik, dove lui stesso pubblica, è piuttosto prolifico, basti pensare che ad Aprile c’è già in circolazione un altro suo disco “Nosferatu”, eppure nonostante la sua vasta produzione Zorn non è molto noto al gran pubblico. Un vero peccato perché le sue esplorazioni musicali meriterebbero un attento ascolto. Esplorazioni, certo, perché di questo si tratta. Zorn ha costituito nel corso del tempo una personale biblioteca di dischi: sono innumerevoli le sue produzioni, collaborazioni, ed album, che vanno dalla musica contemporanea al jazz, dalla musica classica contemporanea alla musica da film. Molto interessante è stato poi il suo riadattamento delle musiche di Ennio Morricone nell’album “The Big Gundown: John Zorn Plays the Music of Ennio Morricone”, disco che portò all’artista newyorkese un grande successo e i cui riadattamenti piacquero anche allo stesso Morricone.

“The Gnostic Prelude”, il cui sottotitolo è “Music of Splendor”, è costituito da otto preludi gnostici nei quali Zorn dà il meglio di sé insieme ad altri tre altri bravi musicisti: Bill Frisell, che suona la chitarra; Carol Emanuel, l’arpa e Kenny Wollesen, che utilizzerà il vibrafono. Fin dal primo preludio “The Middle Pillar” si verrà trasportati in un’atmosfera evanescente e melodiosa, nella quale accanto alla musica da camera si mescolano le atmosfere della musica esoterica, esotica, e l’influenza di Debussy. Nel secondo preludio “The Book of Pleasure”, l’arpa dà vita ad una sonata romantica che riecheggia gli antichi intro di racconti popolari. “Prelude of Light”, il terzo preludio, si inserisce poi nella tradizione delle musiche medio orientali rimaneggiate con la morbidezza della musica classica. E con “Diatesseron”, il terzo preludio, si ritornerà a quegli echi romantici circonfusi da un’atmosfera onirica e spiritualistica, tanto cari a Zorn, fino ad arrivare all’ultimo preludio, l’ottavo, “The Invisibles”, una ritmica conclusione di viaggio, che con la dolce sonorità sprigionata dall’arpa ricorda la ciclicità della vita, la favola vecchia e sempre nuova di un mondo che si rigenera sempre. Evocazioni ed echi, lontani e vicini, costituiscono la chiave di volta di “The Gnostic Prelude”, che vede Zorn in una delle sue creazioni più delicate e tenere, destinate a un pubblico che ama lasciarsi condurre in viaggi senza mete dalla musica. Un disco certamente non adatto a chi ama sonorità forti e d’immediata e più diretta partecipazione.

Sanna Margherita

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Aprile 2012 21:04
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2020 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner