Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Il difficile lavoro degli insegnanti: ora a rischio in Giappone
Il lavoro dell’insegnante è difficile, si sa. Compagni ed educatori nei nostri primi - ma non solo - anni di vita, gli insegnanti delle scuole sono delle figure fondamentali per la nostra cre…

Amy ed i fratelli dell’infinito PDF Stampa E-mail
Mistero - Mistero
Scritto da Andrea Governi   
Martedì 10 Luglio 2012 20:53

Il velo di scetticismo che aleggia intorno alla questione relativa alla possibilità dell’esistenza di forme di vita nell’universo oltre la nostra si sta lentamente dissolvendo. Questa attuale tendenza è frutto della presa di coscienza nell’opinione pubblica davanti ad una realtà che ogni giorno si afferma sempre più palese  all’evidenza di apparizioni sempre più frequenti di oggetti non identificati che solcano i cieli ed in considerazione del fatto che l’universo infinito se fosse tutto per noi sarebbe davvero uno spreco di spazio! Ciò che ancora oppone resistenza nei più scettici è l’inesistenza di comunicazioni di contatto documentate tra terrestri e  ipotetici abitanti di altri pianeti. Ma questo in effetti non corrisponderebbe a verità: “ Vengo da un pianeta distante 103 anni luce dal vostro mondo, intorno al quale ruoto da 13 mila anni. Rispondete.” Questo sorprendente messaggio sarebbe stato raccolto e decifrato agli inizi degli anni settanta dall’astronomo dilettante Duncan Lunan, che lo rivelò alla British  Interplanetary Society, sostenendo che 130 secoli fa un satellite proveniente da un sistema lontano dal nostro si sarebbe posto in orbita alla Terra, aspettando che l’uomo inventasse le comunicazioni radiofoniche per stabilire un primo contatto.

Nonostante i primi segnali captati dall’infinito possano ricondursi già alla fine degli anni 20 del secolo scorso, fu solo durante la seconda guerra mondiale che i messaggi cosmici, captati con insolita frequenza dai servizi di ascolto dei belligeranti, incuriosirono l’attenzione degli studiosi.
Queste affermazioni destarono svariate critiche e accuse di sensazionalismo creato da giochi di prestigio facilmente smascherabili; ma che dire allora delle affermazioni degli scienziati sovietici Kardasev, Solomizky e Slovsky, che negli anni sessanta espressero  il parere (autorevole) che le emissioni captate da un lontano corpo celeste ,denominato con la sigla CTA 102, fossero originate da una vera e propria stazione radio usata da esseri intelligenti che approcciavano un contatto con le altre civiltà dell’Universo?
Quanto sopra riportato è niente in confronto alle evidenti apparizioni di oggetti non riconducibili alla mano dell’uomo che in continuazione percorrono il traffico aereo e vengono testimoniate da centinaia di persone che il più delle volte li immortalano in video amatoriali. Ma se andiamo ancora più lontani nel tempo potremmo azzardare particolari ipotesi di manifestazioni aliene ai popoli della terra di migliaia di anni fa, in particolare le civiltà Egizia, Maya, Sumera e dei popoli dell’India e del sud est asiatico. Per citare un esempio tra i tanti che potrebbero riportarsi il sarcofago ritrovato a Palenque in Messico negli anni cinquanta, contenente uno scheletro sul cui viso fu adagiata una maschera d’oro; ma ciò che interessa è che la lastra tombale costituisce nel suo insieme un quadro al cui centro siede un essere piegato in avanti, come un astronauta nella capsula di comando. La creatura porta un casco che si prolunga alle sue spalle in un doppio tubo e davanti al naso è posto un ossigenatore, con entrambe le mani ha il controllo di una struttura di comandi, il calcagno del piede sinistro poggia su di un pedale munito di intervalli di regolazione.
Dietro l’astronauta, abbigliato secondo una foggia moderna, è visibile una unità di fusione nucleare e lo scarico del reattore. Certamente questa interpretazione della scultura ipotizzata dall’ archeologo Alberto Ruz Lhuillier  venne posta in forte discredito.

Ancora più emblematico è prendere in considerazione una ulteriore e particolare ipotesi in merito alle apparizioni di esseri extraterrestri: Le astronavi provenienti dallo spazio nient’altro sarebbero che i veicoli usati da angeli che verrebbero ad istruirci sulle profezie contenute nella Bibbia e per aiutarci ad affrontare gli eventi profetizzati e sarebbero inviati da Dio affinchè ci possano salvare da un mondo divenuto ormai ostile alla vita per l’uso distorto delle capacità umane. Per quanto ciò possa apparire “abnorme” Gesù disse: “E quando sarò andato, e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo a voi e vi prenderò con me affinchè siate anche voi dove sono io” ( Giovanni 14).
Forse potremmo ricondurre alla matrice religiosa extraterrestre la presenza di UFO in importanti opere iconografiche sacre dell’arte italiana come “La Madonna col bambino e San Giovannino”, “ La Tebaide” di Paolo Uccello, “La Natività” di Pinturicchio, “La glorificazione dell’Eucarestia” di Salimbeni e “La Madonna di Foligno” del Salimbeni?

Come dovremmo comportarci  davanti alla notizia del ritrovamento di una bimba aliena negli Stati Uniti nel 1987 e pubblicata nel Weekly World News nel 1993 con tanto di fotografia? Secondo quanto riportato l’aliena sarebbe sopravissuta ad un incidente in cui morirono gli altri membri dell’equipaggio  e venne portata in una base segreta del New Messico dove è cresciuta sviluppando un quoziente intellettivo pari a 190. Vi sarebbe stata anche una richiesta di restituzione da parte degli alieni, negata per il fatto che Amy, questo è il nome della ormai donna aliena, avrebbe sviluppato un modus vivendi essenzialmente umano.
Ciò che dovrebbe far riflettere gli scettici è che la foto della bimba aliena è fortemente riconducibile alla realtà, non essendovi al tempo del ritrovamento, dei metodi di contraffazione delle fotografie.
Certo è che tutte queste ipotesi in merito alla possibilità di altre forme di vita e circa la loro natura, possono sembrare uno scherzo davanti all’occhio del lettore più critico e dall’elevato raziocinio. Tuttavia le strutture raziocinanti della mente tendono a perdersi nel labirinto dei pensieri e prendono dimora nell’orgoglio che è sempre fonte di errore.
Se  provassimo a svestirci della nostra corazza fatta di schemi scientifici e di comune discredito, forse potremmo comprendere il perché di tante altre realtà diverse ed “aliene” da noi.

Andrea Governi

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Ottobre 2012 14:26
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2020 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner