Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Eclissi lunare: lo spettacolo sta per cominciare!
Il conto alla rovescia è cominciato: mancano solo poche ore, infatti, all’eclissi totale di luna che questa sera terrà con il naso all’insù milioni di persone in tutto il mondo. A partire…

In Trentino le vigne diventano tecnologiche PDF Stampa E-mail
Agricoltura - Agricoltura
Scritto da Denise Lai   
Lunedì 28 Gennaio 2013 00:00

La tecnologia arriva anche nel settore vitivinicolo, in Trentino Alto Adige, grazie al nuovissimo software sviluppato da Cavit (www.cavit.it). Il progetto Pica (Piattaforma integrata cartografica agri-vitivinicola), così denominato, prevede una connessione in tempo reale tra i viticoltori della regione, attingendo dal database le informazioni necessarie ad una buona coltivazione delle vigne. Ciò consente di ridurre gli sprechi e ottimizzare i tempi di lavoro. Come? Semplice, il software avvisa con un sms o una email quando i grappoli di determinati filari sono maturi, consentendo un’immediata raccolta nei periodi della vendemmia.

Non solo, il progetto ha investito su un sistema di gestione dell’approvvigionamento idrico, consentendo il risparmio di acqua ed effettuando un’irrigazione mirata di specifici filari. Ciò avviene calcolando variabili come il reale bisogno delle piante, ma anche la pendenza e l’esposizione dei terreni.
Il vigneto intelligente, inoltre, è in grado di studiare e analizzare le tipologie della terra, sulla quale poi verranno coltivate le vigne. Con uno studio approfondito, dunque, è possibile individuare quali appezzamenti siano più adatti per le diverse tipologie di viti esistenti, limitando così errori di valutazione e sprechi di denaro. L’analisi tiene conto sia degli aspetti meteorologici e sia di quelli chimico-fisici della terra.
Insomma, sembra proprio che ogni settore, oggi, tragga vantaggio dall’utilizzo dell’ hi-tech. Ne è convinto Andrea Faustini, enologo e direttore tecnico di Cavit. Egli racconta che il progetto Pica, partito nel 2010, ha visto una prima fase concentrata sul dialogo con le undici cantine associate, creando un’interfaccia che comprende ben 5.400 ettari di territorio della regione Trentino.
Successivamente è stato implementato un sistema informatico gestionale, adatto a trasferire informazioni dettagliate per ogni vigneto, che enologi e agronomi sfrutteranno per scegliere e applicare i giusti criteri della viticoltura.
Faustini illustra che, oggi, più di 150 stazioni meteo consentono alla piattaforma tecnologica di adattare la coltivazione della vite ai diversi cambiamenti climatici.
Con l’aumento della temperatura del pianeta di più di un grado, registrata a partire dagli anni Ottanta, è stato infatti scelto di coltivare determinate vigne a circa 800 metri di altezza.
Non resta, allora, che verificare i risultati, dai quali, forse, anche altre aziende, dislocate nelle varie regioni italiane, potranno trarre spunto e idee per le future coltivazioni.

Denise Lai

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Febbraio 2013 13:49
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner