Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Il traguardo dei "50 anni" di matrimonio
Quale coppia sposata non desidererebbe arrivare a 50 di matrimonio? In un epoca nella quale aumentano sempre di più separazioni e divorzi, uomini e donne che appartengono alla vecchia generazio…

Madri-bambine. La paura di diventare mamme PDF Stampa E-mail
Sociale - Sociale
Scritto da Sara Atzori   
Lunedì 31 Marzo 2014 10:51

Lo shock è la prima reazione che si ha quando si scopre di essere incinte in età adolescenziale. Si teme per se stesse e per il piccolo, perché si pensa che sia difficile crescerlo e perché, egoisticamente, si è consapevoli di non poter più condurre la tipica vita di un’adolescente.

In età giovanile, non si è capaci di osservare il mondo con razionalità e si agisce spinti dal desiderio di tentare. Il ceto di appartenenza rappresenta un fattore non indifferente per il rischio di gravidanze. Tendenzialmente, i casi di ragazze incinte in età giovanile si verificano soprattutto nelle famiglie di rango sociale basso e privo di cultura. Non si comprende che se non si seguono le relative precauzioni, le conseguenze sono enormi. L’età media del primo rapporto sessuale è quella compresa tra i 15 e i 16 anni. E 14 milioni di ragazze diventano mamme. Si crede di essere diventate donne e di poter giocare sulla propria vita e su quella di altri esseri viventi.

Si possono generare gravi effetti nei casi di maternità precoce: possono nascere delle malattie, quali anemie o ipertensione arteriosa; possono verificarsi delle complicanze durante il parto, come un travaglio prolungato e un conseguente cesareo non previsto; c’è una maggiore probabilità di mortalità materna o di figli prematuri. L’età consigliata, dal punto di vista fisico, per diventare mamme, è quella compresa tra i 20 e i 35 anni, perché i rischi sono inferiori.

Lo stato d’animo che si crea è un dolore silenzioso che rende molto vulnerabili. Il primo pensiero è rivolto ai propri genitori. Il coraggio di comunicare è completamente assente. L’unico interlocutore possibile è il consultorio. La paura di dare un dispiacere ai genitori, unici punti di riferimento della propria vita, è più grande della paura di diventare mamme.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Aprile 2014 11:47
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2020 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner