Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Le mete più ambite per l'estate
Le giornate si allungano e la temperatura si alza, comincia la voglia di vacanze, gli Italiani si regaleranno comunque un bel viaggio nonostante la brutta crisi? Fioccano su internet pacchetti m…

Come si organizzano le donne tra lavoro e famiglia PDF Stampa E-mail
Lavoro - Lavoro
Scritto da Sara Atzori   
Lunedì 28 Aprile 2014 09:58

La donna d’oggi non è più soltanto moglie e madre; è diventata anche lavoratrice. I suoi compiti quotidiani si sono triplicati e fare tutto da sola non è difficile, ma è sicuramente stressante.


La condizione femminile si è evoluta col passare degli anni: da una figura sottomessa dall’uomo si è giunti a una figura che ha mostrato sicurezza, determinazione e intelligenza. L’uomo ha iniziato a credere al miracolo: la donna non è un vegetale. Negli anni del boom dell’emancipazione femminile, la donna riusciva a mediare lo stato di moglie-madre con quello di lavoratrice. Era diventata una stacanovista. Trovava il tempo per lavorare, badare alla famiglia e prendersi cura di sé. La sua capacità consisteva anche nel saper crescere in modo corretto i propri figli, perché concedeva loro maggior attenzione. Questa era la situazione fino a qualche anno fa.

Oggi la donna è costretta a scegliere tra famiglia e lavoro. È diventato veramente faticoso riuscire a fare tutto da sola. Ci vorrebbero altre 24 ore per terminare tutto in tempo e in modo corretto. La donna non ha più i super poteri e, poiché è diventata anche arrivista, dedica maggior tempo al lavoro piuttosto che alla famiglia. I figli sono affidati alle baby sitter oppure sono abbandonati davanti alla TV e crescono con una visione del mondo distorta, non avendo una figura di riferimento che li guidi verso la giusta via.

l problema è che il lavoro femminile, oltre a essere un sogno che si realizza, è diventato anche un’esigenza, perché un solo stipendio ormai non è più sufficiente. Purtroppo, però, al momento della maternità, può accadere che il datore di lavoro prenda la libertà di agire come vuole, anche non rispettando la Legge, e decida di non garantire il diritto al congedo di maternità alle dipendenti che lo richiedano.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Giovedì 01 Maggio 2014 17:20
 

L'orologio

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2018 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner