Ultime notizie

Con "In My Mind Tour" il jazz caraibico sbarca in Sardegna
Le sonorità del jazz e i ritmi caraibici s’incontrano per la prima volta in un nuovo progetto musicale made in Sardinia che fonde alla perfezione originalità del genere e orecchiabilità d…

Leggi tutto...



Le notizie

Al via la terza edizione del Brinc@ Sardinian Festival
Prende il via domani 21 maggio presso gli spazi dell’Estragon di Bologna in via Stalingrado 83, uno dei più importanti live club italiani, che ospita l'evento fin dalla sua nascita, la terza …

Italia
Napolitano a Napoli: necessità di un continuo impegno europeo per superare la crisi PDF Stampa E-mail
Italia - Italia
Scritto da Denise Lai   
Sabato 13 Ottobre 2012 00:00

Ospite al Convegno della Federazione dei cavalieri del lavoro, a Napoli, Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica, affronta il delicato tema “Competere per crescere: le sfide dell’Europa, le opportunità per l’Italia”, oggetto della riunione.
Napolitano manifesta, da subito, consenso per una politica “europea”.  Consiglia, infatti, che “L’Europa continui ad andare avanti, con determinazione e con realismo, sulla strada dell’approfondimento dell’unione economica e monetaria sia nel campo della finanza e delle banche sia in quello delle politiche economiche e di bilancio”.
Per Napolitano, “le innovazioni richieste comportano ulteriori trasferimenti di poteri decisionali e di quote di sovranità”. È per lui necessario che “l’Italia, come altri paesi europei, perseveri nell’azione riformatrice tesa a superare i problemi strutturali che intralciano la competitività della sua economia, portando avanti il processo di miglioramento strutturale dei conti pubblici e quindi di decisiva riduzione del debito”. Un pensiero, questo, che si avvicina molto a quello espresso dal governo dell’agenda Monti.


Il Presidente, però, non si ferma qui, e continua sostenendo che, d’altra parte, sarà necessario “un intervento incisivo delle istituzioni dell’Unione Europea per evitare che questi sforzi vengano resi inefficaci dagli effetti del non ordinato funzionamento dei mercati finanziari, che determina livelli ingiustificatamente elevati del costo di finanziamento dei più pesanti debiti sovrani”.
Affermazione che ha visto una sua prima attuazione con il varo delle misure anti-spread.
Per Napolitano, dunque, occorre un atto coraggioso per gli Stati dell’eurozona, considerando che “le vicende più recenti mostrano che per tornare a crescere è indispensabile, ma non sufficiente, l’impegno tenace dei Paesi maggiormente in difficoltà”.
Un impegno che sarà dunque in grado di integrare le economie, consolidando i comuni strumenti di lavoro, e implementando investimenti nei settori più strategici, grazie anche al lavoro sui settori chiave come le banche e il fisco. All’Italia poi spetterà un compito maggiore, conclude il Presidente, sostenendo che sarà necessario “un grande sforzo di modernizzazione dell’economia e di miglioramento dell’efficienza delle istituzioni, per partecipare in maniera non subalterna alla costruzione dei nuovi assetti”.

Denise Lai

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Marzo 2013 20:16
 
Fiorito si difende dalle accuse, ma il giudice dispone il sequestro dei suoi beni PDF Stampa E-mail
Italia - Italia
Scritto da Denise Lai   
Venerdì 05 Ottobre 2012 00:00

L’accusa è di peculato, lui è Franco Fiorito, ex capogruppo del PDL, arrestato in questi giorni per essersi appropriato di soldi pubblici, ben un milione e 350 mila euro. Fiorito è ora agli arresti, detenuto presso il carcere di Regina Coeli, a Roma. Ed è dalla sua stessa cella che si difende, sostenendo che era in piedi un accordo per la spartizione del denaro, un accordo promosso tra il presidente del Consiglio regionale Mario Abbruzzese e tutti i gruppi. Non era l’unico, sostiene, ad utilizzare i soldi per spese personali, lo facevano anche i suoi colleghi. Come se questa affermazione rendesse più tollerabile il suo comportamento nei confronti degli italiani. Fiorito sostiene, infatti, che anche “negli altri gruppi si faceva così”. Dichiarazione che non ha fermato il giudice dal mandato di sequestro dei beni “indagati”: la sua villa al Circeo, le sue auto di grossa cilindrata (una Jeep Wrangler, una BMW e la più piccola, una Smart)  e i suoi conti correnti.


In questi ultimi, Fiorito avrebbe trasferito circa 330 mila euro, divisi tra l’Italia e la Spagna. Una fattura dell’importo di 1.100 euro, ritrovata nell’appartamento del suo segretario, Bruno Galassi, dimostrerebbe, inoltre, l’acquisto di una caldaia, comprata per la sua villa al Circeo. Il Nucleo valutario, capeggiato dal generale Giuseppe Bottillo, ha poi reso note altre prove, ai danni dell’indagato. Pare, infatti, che siano emersi “quattro bonifici tra il 4 aprile 2012 e il 5 maggio 2012 per 23.140 euro, accreditati da Fiorito su uno dei suoi conti personali e rimborsi, giustificati come Pagamenti canone locazione sede Roma gennaio/febbraio/marzo/aprile 2012”.
In realtà, questi rimborsi, potrebbero riguardare gli affitti di due appartamenti di Roma centro, che il signor Fiorito aveva ottenuto da enti benefici. Stefano Aprile, il giudice incaricato, ha motivato l’operazione di sequestro visto il grande quantitativo di prove emerse, tale da superare anche le aspettative.
Ma l’indagato continua ad affermare le sue ragioni, sostenendo che “questa era la prassi”, dichiarando che potrà dimostrare quando detto “con fatti e circostanze”.
I suoi avvocati, Carlo Taormina ed Enrico Pavia, incalzano e confermano quanto sostenuto dal loro cliente.
Alla fine, Fiorito tenterà anche di contrastare le accuse nei suoi confronti, cercando di scaricare le colpe sui suoi collaboratori.

Denise Lai

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Marzo 2013 20:17
 
Consiglieri regionali sotto accusa: come spendono il denaro pubblico? PDF Stampa E-mail
Italia - Italia
Scritto da Denise Lai   
Sabato 29 Settembre 2012 00:00

Lo scandalo che sta toccando i consiglieri delle Regioni italiane, relativo ai “falsi” rimborsi, si allarga a vista d’occhio in questi giorni. La gestione dei fondi pubblici dello Stato è sotto il mirino dei pm e della Guardia di Finanza, che proprio venerdì ha sequestrato le carte nelle sedi regionali. Il consigliere del PDL Roberto Boniperti, per esempio, vanta rimborsi per oltre 37 mila euro. Somma che comprende sia i gettoni di presenza in Consiglio sia i chilometri percorsi all’anno (oltre 40 mila). Il via all’inchiesta della Procura di Torino partii da una denuncia di un “collega”, Roberto Rosso, deputato del PDL, che rilasciò un’intervista a Telelombardia, in cui accennava all’uso dei soldi pubblici in settimane bianche, da parte di un consigliere regionale. Oggi, Rosso afferma che la sua fu soltanto una provocazione, convinto che cose del genere non debbano essere considerati reati. E difende gli accusati, affermando che “non si può far passare l’idea che i consiglieri del Lazio siano banditi mentre quelli delle altre regioni siano angeli”.
Perché in un consiglio dovrebbe forse vigere la regola del “lo fanno loro, lo faccio anch’io?”.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Marzo 2013 20:18
Leggi tutto...
 
Aerei Wind Jet a terra. Passeggeri riprotetti grazie all’Enac. PDF Stampa E-mail
Italia - Italia
Scritto da Denise Lai   
Mercoledì 22 Agosto 2012 00:00

Sono 133 mila i passeggeri che hanno acquistato biglietti aerei per volare con Wind Jet, la compagnia siciliana low cost che, dal 13 agosto, non effettua più i collegamenti previsti per i suoi clienti. L’Enac, dopo una riunione con le compagnie aeree Meridiana, Alitalia, Fly-Air Italy, Blue Panorama e Livingston, ha garantito la riprotezione dei passeggeri che hanno acquistato i voli precedentemente allo stop della compagnia siciliana.
Dal 17 settembre al 27 ottobre, coloro che risultano essere in possesso delle carte d’imbarco potranno usufruire delle medesime tariffe speciali offerte da Wind Jet, volando con le altre compagnie citate, che garantiranno la copertura delle tratte acquistate. L’Enac, a questo proposito, “raccomanda ai possessori di biglietti Wind Jet di contattare tempestivamente i numeri dedicati all’assistenza dei vari vettori, per prenotare la riprotezione a tariffe agevolate dopo il 16 settembre”.


Intanto, Il Presidente della low cost siciliana, Nino Pulvirenti, non chiarisce la posizione della compagnia. Dichiarò infatti che entro il 22 agosto avrebbe svelato quale poteva essere la direzione da seguire per l’azienda in bancarotta: “o riprendere l'attività attraverso anche una nuova società, oppure accettare la proposta del governo, che è quella di ricorrere alla legge Prodi bis".
Pulvirenti sembrava anche manifestare un certo “attacco”, sostenendo che “Fra qualche periodo si saprà esattamente cosa è successo, chi ha le responsabilità e chi deve pagare”.
Purtroppo con la licenza sospesa, l’annuncio della cassa integrazione per i suoi circa 500 dipendenti e un debito di 150 milioni di euro, la Wind Jet sembra aver necessità di un partner che la aiuti nel rilancio del suo core business.
Anche l’imminente accordo con la compagnia Alitalia non è stato portato a termine. Nel botta e risposta tra le due aziende, infatti, pare che la compagnia di bandiera fosse disponibile a raggiungere un compromesso con la low cost isolana, ma un comunicato riportante l’accusa, nei confronti di Alitalia, di voler "spuntare condizioni maggiormente vantaggiose, ulteriori rispetto a quanto pattuito, imponendo condizioni vessatorie", ha decretato la chiusura definitiva delle trattative.
Pulvirenti, Presidente anche del Catania Calcio, sostenne di aver ricevuto una decina di richieste informazioni, dopo Alitalia, portando a due manifestazioni di interesse da parte di un’azienda italiana e di due low cost straniere.
La situazione sembra però, salvo nuove dichiarazioni, volgere verso una chiusura definitiva della compagnia.

Denise Lai

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Marzo 2013 19:26
 
Per Ferragosto si va in crociera PDF Stampa E-mail
Italia - Italia
Scritto da Denise Lai   
Mercoledì 15 Agosto 2012 00:00

Non c’è dubbio che la crisi economica degli ultimi anni abbia colpito anche il settore turistico. Sembra che quest’anno, però, la maggior parte dei “vacanzieri” salirà a bordo di una nave da crociera, per godersi le tanto desiderate ferie estive. Il comparto crocieristico sembra centrare le esigenze dei suoi ospiti, con tariffe più contenute rispetto alle altre mete, offrendo comunque servizi esclusivi e panorami mozzafiato. Chi l’avrebbe mai detto che anche il colosso Costa Crociere avrebbe registrato quest’anno il pienone sulle proprie navi? Si, perché dopo il tragico incidente avvenuto davanti all’isola del Giglio, con la Costa Concordia, non era immaginabile un tale successo in termini di vendite. Invece, questo mese, la Costa conferma il sold out, con il tutto esaurito sulle sue 5 navi per il Nord Europa (17 crociere) e le 8 che navigano nel Mediterraneo (ben 32 crociere queste ultime).


Non è l’unica compagnia, però, a “navigare in acque tranquille”. La Msc Crociere dichiara che circa 900 mila persone trascorreranno l’estate a bordo delle sue navi. Come la prima, Msc effettua, nei mesi più caldi, crociere nel Mediterraneo e nel Nord Europa. E solo in quella prevista per Ferragosto, saranno 54 mila i passeggeri che affolleranno le sue navi dai vari porti italiani, garantendo il fully booked alla compagnia.
Secondo Leonardo Massa, country manager mercato Italia di Msc Crociere, “La vacanza in crociera viene scelta da un numero sempre più elevato di persone, soprattutto le famiglie, che individuano le nostre navi come un luogo ideale di aggregazione, forte della ricca offerta di strumenti a bordo, adibiti al relax e al tempo libero, differenziabili per tutte le esigenze”. “Una scelta accessibile trasversalmente da chiunque”, continua Massa, “altro elemento indispensabile alla luce degli attuali timori legati alla decisione di andare in ferie degli italiani, in un periodo economicamente delicato”.
Le migliori tariffe hanno certamente contribuito al mercato crocieristico di questi ultimi mesi, che proprio dopo lo sfortunato incidente di una delle compagnie, hanno visto una progressiva diminuzione dei prezzi.
È anche vero che la crociera racchiude in sé le due spese principali del viaggio: il trasporto e l’alloggio. Se poi tutto si trasforma in un ottimo rapporto qualità-prezzo, la scelta è più semplice, quasi obbligata con la crisi economica degli ultimi tempi.

Denise Lai

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Marzo 2013 19:27
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 28

L'orologio

Previsioni meteo Italia


Warning: file_get_contents(http://oiswww.eumetsat.org/IPPS/html/MSG/IMAGERY/IR108/COLOR/CENTRALEUROPE/index.htm) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.diario24notizie.com/home/modules/mod_weather/mod_weather.php on line 31
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2019 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Autenticazione

User:  Pass:        Forgot Password? Username?

Link consigliato

Banner

Link consigliato

Banner