La situazione in Africa Stampa
Speciali - Speciali
Scritto da Sara Atzori   
Lunedì 28 Ottobre 2013 12:05

Sono numerosi i problemi che attanagliano l’Africa. La maggior parte dei mali del mondo sono concentrati in un unico territorio. Le guerre, le malattie, la povertà, la schiavitù sono alcune delle questioni negative che attraversano il Continente. Inoltre, ci sono delle condizioni abitative difficili: non ci sono infrastrutture scolastiche e sanitarie idonee o sono totalmente assenti; ci sono poche abitazioni e, anche in questo caso, le circostanze sono disastrose.


Le malattie rappresentano una fetta della criticità che colpisce la popolazione africana. Sono veramente numerose e difficili da combattere: AIDS, tetano, morbillo, peste, colera, tifo, malaria, febbre gialla, filariasi, tracoma. Inoltre, ci sono quelle causate dalla mancanza di cibo o dalla scarsa qualità degli alimenti. Una delle principali cause di questa grande espansione è il cambiamento climatico: l’aumento della temperatura, infatti, ha provocato la proliferazione di zanzare, promotrici della malaria; si sono moltiplicati anche i casi di malattie legate alla diarrea, soprattutto durante la stagione secca – questo è il periodo migliore per la moltiplicazione delle mosche, che sono gli insetti che trasmettono maggiormente il fenomeno; c’è stata anche una grande diffusione di alghe, che rappresentano l’habitat ideale per i batteri che causano il colera.

All’interno del nucleo famigliare tutti danno il loro contributo per affrontare la giornata: le figlie aiutano le madri in casa, mentre i figli danno una mano ai padri nei campi. Questa unione famigliare non esiste nelle città, dove, invece, è solita la criminalità. La povertà è all’ordine del giorno e interessa 1,2 miliardi di abitanti che vivono con meno di un dollaro al giorno. I poveri sono aumentati da 205 milioni a 414 milioni nell’arco di trent’anni.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Venerdì 01 Novembre 2013 12:13