Troppe armi a New York, Obama promette restrizioni Stampa
Esteri - Esteri
Scritto da Claudia Putzolu   
Giovedì 03 Gennaio 2013 14:33

Di recente un celebre giornale di New York, il Journal News, ha pubblicato il l’elenco dei possessori legali di armi della contea: un elenco di ben sedicimila nomi.

La notizia ha fatto scalpore e sono arrivate subito le critiche, accompagnate da parecchie denunce, da parte delle persone incluse nella lista, dal momento che a nessuno è piaciuto esser stato “schedato come un criminale”.Le stesse hanno sottolineato la “normalità” della cosa asserendo che si tratta di una quantità d’armi proporzionata alla popolazione, solo New York conta infatti più di ottomila abitanti.
Il giornale ha prontamente ribattuto dichiarando di aver ottenuto legalmente i dati attraverso il Feedom Information Act (la legge che autorizza i media ad entrare in possesso di dei dati dell’amministrazione pubblica), sostenendo inoltre che “ognuno ha il diritto di sapere se il proprio vicino possiede un’arma”.
Le motivazioni del giornale, infatti, non sembrano fare una piega, soprattutto alla luce delle tragiche vicende avvenute nel 2012, ovvero le sparatorie presso la scuole di Newtown e Webser che hanno terrorizzato i cittadini.
I possessori d’armi sono molto più numerosi di quanto non si supponesse, senza contare il gran numero di persone che le detiene illegalmente, circostanza che ha fatto riflettere anche Barack Obama che promette un giro di vite entro tempi brevissimi. Il presidente è favorevole alla reintroduzione del bando alle armi d’assalto, che è stato in vigore fino al 2004, a controlli più severi sulle vendite e alla riduzione della capacità dei caricatori. Il portavoce della Casa Bianca renderà noto, a breve, nel dettaglio, le novità relative all’inasprimento delle leggi sul possesso delle armi.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Giugno 2013 16:49