Francesca Schiavone, la “regina” di Parigi Stampa
Sport - Sport
Scritto da maria lucia meloni   
Domenica 06 Giugno 2010 09:50

Francesca Schiavone si è aggiudicata il Roland Garros. Il tennis italiano trova finalmente la sua “campionessa rosa”.  La Schiavone ha sconfitto in finale l’australiana Samantha Stosur, numero 7 del mondo. Il Roland  Garros è il più importante torneo del mondo sulla terra battuta, e la per la prima volta una tennista italiana si aggiudica la prestigiosa prova del  Grande Slam con un punteggio netto 6-4  7-6, dopo un’ora e 37' di gioco. Sembrava impresa ardua per l’italiana, l’avversaria partiva leggermente favorita dal fatto di occupare comunque una posizione più alta nella classifica mondiale e di essere alcuni anni più giovane dell’azzurra. Francesca Schiavone ha tirato fuori tutta la grinta per la quale è nota e un modo di giocare il tennis che non concede niente, lotta su ogni punto con una generosità e un’intensità che non lasciano posto al minimo rilassamento, gioca con il cuore, con tutta se stessa. La stampa di tutto il mondo ha fatto il tifo per l’italiana, per la sua simpatia, per quel suo gesto di baciare la terra rossa,  per la sicurezza e al contempo la serenità con la quale è arrivata in finale e con cui ha vinto la stessa.

Dopo l’errore della sua avversaria, che le ha regalato la vittoria del più importante torneo del mondo su terra battuta, Francesca ha alzato le braccia al cielo e si è buttata sulla terra rossa con il suo modo particolare di manifestare gioia e felicità, baciando il terreno del campo centrale Philippe Chatrier del Roland Garros. Lacrime di felicità  per la Schiavone, che dopo la fine dell’incontro ha raggiunto il gruppo di amici e parenti e il suo allenatore Corrado Barazzutti.

“E' la gioia più grande della mia carriera, è incredibile. Tutto è andato per il verso giusto, ma oggi ero più aggressiva della mia avversaria”. Queste le prime parole della tennista italiana, che ha continuato: “Sono molto molto felice. Ringrazio tutti”, ha detto la Schiavone parlando in inglese. Poi in italiano ha aggiunto: “Siete nel mio cuore. Grazie a tutti. Senza di voi non sarei quello che sono e non avrei fatto ciò che ho fatto”. Francesca ha poi rivolto un pensiero ai suoi genitori: “Ciao mamma e papà”. Un pensiero è andato anche alla sua avversaria Samantha Stosur: “Sei una grande persona. Meritavi di essere qui al mio posto. Coraggio sei giovane, la prossima volta puoi farcela”. 

L’impresa di Francesca Schiavone al Roland Garros, porta a quattro le vittorie azzurre sulla terra rossa di Parigi, che purtroppo per il tennis italiano risalgono a tanti anni fa e portano nomi famosi quanto ricordi di un lontano passato: due ottenute da Nicola Pietrangeli nel 1959 e nel 1960, ben 50 anni fa, e una da Adriano Panatta nel 1976. 

La Schiavone incassa  un  importante premio di 1.120.000 euro e tanti messaggi di auguri e complimenti. Anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, da Torino ha telefonato per complimentarsi con l’azzurra. Congratulazioni sono arrivate anche dal presidente del Senato, Renato Schifani, dal presidente della Camera, Gianfranco Fini, e dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Fanno eco  i rappresentati di Federtennis e Coni, Angelo Binaghi e Gianni Petrucci.  Francesca Schiavone diventa da oggi il numero 6 del mondo,  vincendo sulla terra rossa di Parigi ha conquistato un posto in più nel ranking Wta proprio davanti alla Stosur. 

Maria Lucia Meloni

Ultimo aggiornamento Domenica 06 Giugno 2010 14:32