Final Four 2010: la Virtus fa gli onori di casa e pensa all’A1 Stampa
Sport - Sport
Scritto da Fabio Useli   
Domenica 28 Marzo 2010 04:17

Non di solo calcio vive la Sardegna sportiva. E per fortuna, verrebbe da dire, visti i bocconi amari mandati giù nelle ultime domeniche. Esistono anche altre realtà, troppo spesso trascurate dalle cronache: come quella della Virtus Cagliari, storica società di basket femminile che calca il parquet da ormai quasi mezzo secolo, e che può vantarsi di aver portato in giro un pezzo di Sardegna nei campi di serie A2 di tutta la penisola in 16 dei 17 campionati dal 1993 ad oggi. Una bella realtà che nei prossimi giorni potrà beneficiare di un’importante vetrina nazionale, portando sotto canestro tutta la sua voglia di emergere: mercoledì 31 marzo e giovedì 1° aprile Cagliari ospiterà il “Final Four 2010”, la fase finale della Coppa Italia di A2 di basket femminile. A contendersi la “So.Se.Pharm Cup” al PalaCUS di Via Is Mirrionis, quattro rappresentative: oltre alla Virtus Cagliari, la Virtus La Spezia, la Ducato di Lucca e le ragazze di Bologna della Meccanica Nova. Giunto alla 13esima edizione, al torneo accedono le squadre che hanno occupato i primi due posti della classifica nei rispettivi gironi (Nord e Sud) al termine del girone di andata del campionato. Le cagliaritane, prime nel girone Nord, incontreranno mercoledì in semifinale le avversarie di La Spezia, giunte seconde nel girone Sud. 

“Se possiamo ospitare una simile manifestazione in Sardegna e a Cagliari, il merito è tutto della Virtus, ed è stato conquistato sul campo a suon di vittorie” ha sottolineato l’assessore provinciale alle Politiche Culturali Giampietro Comandini durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento. Lo sforzo organizzativo non è stato privo di ostacoli, come ha precisato il dirigente della società Giuseppe Pasquinucci: “Il problema principale è stato trovare un campo idoneo, già collaudato per simili eventi, e non troppo dispersivo per giocare al meglio la carta pubblico, visto che giochiamo in casa”. La scelta è caduta sul campo del CUS Cagliari, la stessa struttura che nel 2006 ospitò l’Opening Day di Serie A1. “Siamo davvero grati al CUS: questa è la dimostrazione di come si può essere avversari sul campo ma collaborare efficacemente per un evento importante per tutti” ha dichiarato Pasquinucci, fino all’anno scorso presidente, carica ora ricoperta dalla Prof.ssa Giovanna Caput. 

Un forte incoraggiamento è arrivato anche dal Presidente del Comitato Regionale della Federbasket Bruno Perra: “La Virtus ha una storia importante, questo traguardo è il frutto di sacrifici di atlete e dirigenti che in certi casi hanno dedicato la vita alla società: sono convinto che la Sardegna possa aspirare ad avere una rappresentanza anche in A1, il divario col resto della penisola si sta colmando, come dimostrano i risultati positivi di Alghero e dello stesso CUS” – ha continuato Perra – “non dobbiamo adagiarci sugli allori, come è successo al Cagliari Calcio, e onoriamo quest’impegno senza tralasciare il campionato, non accontentiamoci mai”. 

Ma è anche il divario tra A1 e A2 che sembra essersi ridotto: la risonanza degli eventi sportivi del campionato cadetto ha sempre meno da invidiare all’attenzione concessa ai colleghi della massima serie. La finalissima godrà infatti della copertura di Rai Sport Più, che la trasmetterà venerdì 2 aprile alle 12.45. “Le istituzioni sarde hanno impiegato risorse importanti in questa manifestazione, l’attenzione di sponsor e media lo dimostra. Al PalaCUS prevediamo due giorni di pienone, sia perché contiamo sul calore dello splendido pubblico sardo, sia perché da Lucca, Bologna e La Spezia le squadre si stanno muovendo con famiglie e tifosi al seguito: venire in Sardegna è sempre un piacere” ha dichiarato il vicepresidente della Legabasket femminile Massimo Protani. 

Ma “Final Four” sarà solo il primo di una serie di appuntamenti importanti per il basket “in gonnella” a cui l’isola farà da cornice: a luglio infatti Quartu Sant’Elena ospiterà le finali nazionali Under 15, mentre ad agosto Cagliari sarà la sede di due incontri di qualificazione della nazionale maggiore ai Campionati Europei, che si disputeranno nel 2011 in Polonia: il 2 contro la Croazia, mentre l’11 sarà la volta della Lituania. 

Fabio Useli

Ultimo aggiornamento Domenica 28 Marzo 2010 10:17