Dove l'Uomo non può arrivare, interviene la tecnologia Stampa
Scienza - Scienza
Scritto da Sara Atzori   
Lunedì 08 Luglio 2013 09:38

La nascita dei droni è avvenuta in ambiente militare. La loro funzione principe è quella di trovarsi in luoghi pericolosi e difficilmente raggiungibili per l’uomo, per trasmettere delle prove importanti, mediante una telecamera inserita nel loro “corpo”. In alcuni interventi antiterroristici compiuti dagli Americani, i droni sarebbero stati impiegati per trasportare dei missili che avrebbero colpito le basi nemiche.

L’interesse per questo nuovo strumento tecnologico si ha anche a livello scientifico e investigativo. Diventa un surrogato dell’elicottero e della telecamera, due strumenti che, al contrario, possono essere notati dal possibile delinquente, che, in quel caso, potrebbe cambiare zona per compiere il crimine. Esso permette di effettuare delle ricerche più avanzate attraverso delle riprese dall’alto e da una base di comando a terra. L’obiettivo è quello di trovare delle prove inconfutabili per incastrare i colpevoli di un reato. L’utilizzo maggiore viene fatto nei casi di spaccio di droga e di parcheggi abusivi.

 

Anche il settore agricolo può diventare ambiente ideale per l’impiego di droni. Infatti, le fotografie scattate dall’alto permettono di analizzare più approfonditamente un campo agricolo per conoscere lo stato della vegetazione presente. È il caso del drone Swinglet Cam, che si è rivelato di grande importanza per conoscere la situazione delle uve, nei vigneti Toscani. La risoluzione ottenuta grazie ai droni può arrivare fino a 5 cm, perciò può offrire una visione più precisa della

In Germania è stato deciso di utilizzarli per trovare i writers delle ferrovie. Il costo annuo per eliminare i graffiti sembrerebbe, infatti, di 7.600.000 euro. Una cifra esorbitante. Il costo dei droni per svolgere questo lavoro dovrebbe essere di 60.000 euro.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Sabato 13 Luglio 2013 19:34