Il Signor Risparmio e la Signora Convenienza Stampa
Sociale - Sociale
Scritto da Sara Atzori   
Lunedì 24 Marzo 2014 11:42

Ogni prodotto, se acquistato quotidianamente, costa di più rispetto all’acquisto mensile. Il motivo è che spendere ogni giorno 10-20 € è meno conveniente rispetto a un’unica spesa di 200-300 €. C’è un abisso nei costi e un risparmio non indifferente.

Il suggerimento è quello di acquistare ogni giorno il pane, i salumi e i formaggi, perché si tratta di alimenti che devono essere sempre freschi. Il resto dei beni, invece, si dovrebbe comprare alla fine del mese. Perciò una brava casalinga dovrebbe tenere il conto di quanti bagnoschiuma, detersivi per piatti e pasta si consumano ogni mese tra i componenti della propria famiglia. Così si può stabilire una quantità di prodotti e un relativo budget dal quale ci si allontana di poco nell’arco del mese. Se ogni giorno si dovessero acquistare due pacchi di pasta non si saprebbe gestire il denaro e, qualche volta, si potrebbe anche sforare il budget a disposizione. Al contrario, una volta percepito lo stipendio, si sa che una parte si deve utilizzare per la spesa domestica. È più facile controllare il proprio denaro mensilmente, piuttosto che quotidianamente.

Un altro consiglio è quello di conoscere i supermercati e le varie offerte. Esistono dei supermarket dove, per esempio, un bagnoschiuma costa 2,29 €, rispetto ai 2,99 € in vendita in altri luoghi; uno shampoo costa 1,79 € rispetto ai 2,79 € di altri; un sapone intimo costa 1,88 € rispetto ai 4 € di altri. Questo è un piccolo specchietto per dimostrare come è necessario controllare gli scontrini e le etichette per evitare le fregature se si vuole risparmiare.

Inoltre, è importante preparare una lista della spesa, sia per ricordare cosa manca nella dispensa sia per comprare soltanto i beni segnati nel foglio che si porta con sé, per non acquistare prodotti che sono superflui.

Sara Atzori

Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Aprile 2014 11:46